Francesco Indrigo


POETI   M N R

da: " Matetâs" — "Ammattimenti"

Ma indul ch'a van li' peraulis
chês di sbriss, chês dibant,
a implinî vitis dispiardudis?
a screâ li' storis passant?
o forsi par aria restin picjdis
e 'l vint li vendma ogni tant,
cuant che la zent durmîs
e i suns singars ni clamin sustnt,
o magari roseadis da li' surs
par tignî chês bunis soltant,
o encja tal mâr negdis
par i pes di luna sglonfnt.

Ma indul ch'a van li' peraulis?


Ma dov' che vanno le parole,
quelle di striscio, quelle inutili,
a riempire vite disperse?
a inaugurare le storie passando?
o forse per aria restano appese
e il vento le vendemmia ogni tanto,
quando la gente dorme
e i sogni zingari ci chiamano sospirando,
o magari rosicchiate dai topi
per tenere quelle buone soltanto,
o anche nel mare annegate
per i pesci di luna gonfiando.

Ma dov' che vanno le parole?



'I i un dolôr tal côr,
'na roba ch'a spons
encja la fiesta.
Il dotr mi varda
e al tas.
Ma jo no j crodi.
'I vai ta la rosta
a cjoi su 'na grampa
di arba medica,
mi la russi ben-ben
tal stomi
e mi passa.
Bisugnarâ ch'i j fdi la riseta.


Ho un dolore al cuore,
una cosa che punge
anche la festa.
Il dottore mi guarda
e tace.
Ma io non gli credo.
Vado sull'argine
a prendere un fascetto
di erba medica,
me la struscio ben-bene
sul petto
e mi passa.
Bisogner che gli faccia la ricetta.



Colva la nêf
in Mai.
Zu dai poi,
ta la grava
dal nostri cjâf
pensiers,
ta li' me' mans
e tal ti cuel di fmina.
Pulvns di seda
p blancja da la to pil
inglazzada.
Ma li' seis ti trimevin
di maraveia
tal dî vonda.
Colva la nêf
ta li' talpdis dal ti zî.
E jo?
Jo 'i i fat
un pajasso di nêf di poi.


Cadeva la neve
in maggio.
Gi dai pioppi,
sulla grava
del nostro capo
pensieroso,
sulle mie mani
e sul tuo collo di donna.
Pulviscoli di seta
pi bianca della tua pelle
ghiacciata.
Ma le ciglia ti tremavano
di meraviglia
nel dire basta.
Cadeva la neve
sulle orme del tuo andare.
E io?
Io ho fatto
un pagliaccio di neve di pioppi.



Par cori, si cor,
nol un problema di muscui,
par ads;
il troi al avonda comut
e 'l flât al encjam zovin,
s, par cori, si cor,
bastars doma savê indul.


Per correre, si corre,
non un problema di muscoli,
per adesso;
il sentiero sufficientemente agevole
e il fiato ancora giovane,
s, per correre, si corre
basterebbe solo sapere dove.



Ogni tant 'i bi,
cuss, just
par tignmi in alenament,
no par clamâ cualchidun
ben s'intnt,
che tant nissun al scolta
li' vôs che di striss a passin
di cheatra banda del la not.
'I bi cuss, tant par baiâ,
encja pars ch'i fai clapa dibessol.


Ogni tanto abbaio,
cos, giusto
per allenarmi,
non per chiamare qualcuno
ben s'intende,
che tanto nessuno ascolta
le voci che di striscio passano
dall'altra parte della notte.
Abbaio cos, tanto per abbaiare,
anche perch faccio branco da solo.