Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito pi¨ completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchŔ l`Istituto Cini non pu˛ andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1882931 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
Una vita da bestia -  
di Enrico Caine - inviato il 20/11/2001 (letto 1534 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
L'Uomo Ŕ un animale. Gli animali sono bestie. Ergo, siamo bestie.Opinabile semplicismo sillogistico? Forse. Oppure, stimolante spunto per una riflessione sulla nostra condizione di umani. L'animale uomo si sta trasformando: Ŕ sempre meno animale e sempre pi¨ un qualcosa che lo allontana dalla natura. Noi ''civilizzati'' rischiamo di annegare nel mare delle sovra-strutture, di sprofondare nella palude delle convenzioni, organizzando con stupefacente efficienza la nostra estinzione quali figli della Terra. Ricordiamoci dunque di essere soprattutto animali e comportiamoci quindi conformemente alla nostra specie. E allora, riscopriamo la magia della spontaneitÓ, il fascino dell'atto istintivo, la gioia del vivere liberi. Ritorno allo stato primordiale di Natura? No. Nostalgie anarchiche? Neppure. Recupero di una perduta armonia. Amiamoci quindi con passione senza doverci inebetire per ore o giorni di inutili giustificazioni (bere senza sete e fare l'amore tutte le stagioni sono caratteristiche tipiche della nostra specie), mangiamo quando abbiamo fame, dormiamo quando abbiamo sonno, troviamoci un compagno o una compagna con cui dividere l'esistenza - se ci pare - ma senza l'inganno e l'ipocrisia del matrimonio. Lasciamoci e riprendiamoci con rabbia o con amore, secondo umana natura. Il lavoro nobilitÓ? Mah! Di certo pu˛ abbruttire o ubriacare di desiderio di potere. Per il momento ci fa vivere, ma non Ŕ detto che ci˛ non possa cambiare. I figli non sono un diritto-dovere morale ma una necessitÓ. Figliamo serenamente, se lo desideriamo, ma desideriamolo consapevoli di essere parte di un progetto che Ŕ pi¨ grande di noi, non per appagare il nostro narcisistico egoismo. Usiamo la forza,se necessario, ma solo per sopravvivere o per combattere il sopruso. Balliamo e suoniamo, ci farÓ sentire pi¨ liberi; godiamo della compagnia della gente e scappiamo nella nostra solitudine quando sentiamo impellente il bisogno di comunicare con noi stessi. Impariamo a non legarci alle cose, nÚ alle persone, guardando ai nostri cari con amicizia, e pensando l'amicizia come una preziosa complicitÓ destinata inevitabilmente a svanire e rinnovarsi all'infinito. Rispettiamo la vita e la libertÓ di tutte le specie viventi augurandoci che presto venga meno il dominio dell'uomo sugli altri animali, frutto di un aberrante atteggiamento che ha radici (in occidente ) tanto profonde quanto speciste: il pensiero pre-cristiano e la grecitÓ classica. Sforziamoci di comprendere che tutti coloro che si oppongono alle sofferenze umane dovrebbero razionalmente essere contrari a quelle inflitte agli animali. Nondimeno, ricordiamoci che, come scrive l'autore di un libro che ha ispirato un movimento mondiale che conta su milioni di iscritti e centinaia di organizzazioni (Peter Singer, Liberazione Animale. Mondadori), gli animali non umani non sono in grado di richiedere da sÚ la propria liberazione, o di protestare contro la loro condizione con voti, manifestazioni e boicottaggi. Teniamo a mente che i nostri peccati di gola (tra gli altri) implicano atroci sofferenze, interminabili agonie, insopportabili costrizioni per popoloazioni di esseri viventi ogni anno. Una vita vegetariana pu˛ essere sana e felice: chi giÓ la pratica (e non per edonistico salutismo) Ŕ sulla strada giusta. Per il momento continuo a cibarmi dei cadaveri degli altri animali conscio del fatto che, difformemente dai carnivori non umani, noi siamo in grado di SCEGLIERE. Confido nel molesto, crescente senso di colpa che ci˛ mi procura.Cerchiamo allora di vivere meglio, di vivere da virtuosi: viviamo da bestie.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017