Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904569 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
Essere semplici e complessi
di Marco Girardi - inviato il 24/01/2007 (letto 2362 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Essere semplici e complessi
L’amore per il complesso è ciò che ci testimonia l’essere grande dell’uomo. Venezia stessa lo testimonia con i suoi palazzi, con l’articolazione capillare e apparentemente disordinata delle sue calli. Gli antichi stessi testimoniano che ciò che è frutto di un parto pensato e complicato, che occupa tempo nel suo pensarsi, dà un frutto che è qualcosa che può avvincere e relegare essenze e verità infinitamente più grandi del contingente. Opere millenarie destano ancora stupori e spunti a osservatori contemporanei.

Il moderno spirito persiste in questa logica su altri fronti, come l’informatica e alcune scienze. Ma ha molto spesso tralasciato questo spirito in molte branche umane dove prima il gusto del complesso era imperante. Basti pensare all’architettura civile oggi. In essa si cerca la forma più semplice dove il costo sia più basso e meno impegnativo, regalando però a chi deve viverci un insano spirito negativo, Mestre ne è un esempio o altre città periferiche nate dal gusto dell’immediato senza nessun anelito all’infinito.

Il complicato non è un concetto negativo. Il complicato implica un fine che si situa fuori dalla propria vita, sia temporale che metafisica. E’ un atto d’amore proprio perché è fuori da ogni logica egoistica. Venezia è un atto d’amore, perché uscita dai tempi dei suoi costruttori cerca ancora, per quello che le è possibile, di donarci armonia, bellezza e serenità. L’ego dei moderni distrugge il senso del suo esistere. Venezia per un certo qual modo è fuori contesto, gli uomini che la abitano non sono compatibili con lei.

Il complicato perciò può essere ancora visto come un valore. E’ etimologicamente abbinabile all’unione delle parti. La semplicità deve risiedere nell’animo, e nelle opere, e non deve essere sinonimo di banalità. Semplice alle volte etimologicamente può essere inteso come senza artificio, o senza malizia, o come non dualità.

Essere semplici e complicati può essere parafrasato, come abbracciare la diversità e avversare la divisione.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017