Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903231 Letture totali

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
EDILIZIA STRAVOLTA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 22/03/2007 (letto 2610 volte - 3 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
EDILIZIA STRAVOLTA
LO SCRITERIATO UTILIZZO, SEMPRE PIU' FREQUENTE, DI MATERIALI ESTRANEI ALLA NOSTRA TRADIZIONE NELL’ EDILIZIA DEL CENTRO STORICO


Il retro della Casa di riposo israelitica, prospiciente il Rio degli Ormesini, dopo il recente restauro. Sono in molti a chiedersi se le due vistosissime canne fumarie in metallo luccicante che balzano immediatamente agli occhi - e che, prima del restauro, non c’erano – siano state collocate nel rispetto delle norme vigenti. Le quali, com’è noto, ancorchè in casi eccezionali e una volta constatata l’assoluta impossibilità di provvedere altrimenti, contemplino la possibilità di costruire o sistemare esternamente alle facciate delle canne fumarie che non siano in muratura e secondo le forme caratteristiche veneziane, ciò vale tuttavia soltanto per quegli edifici che non abbiano importanza architettonica o monumentale, che non è assolutamente il caso, senza tema di errore, della Casa israelitica di riposo.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: ENIOS

Credo che a volte utilizzare dei materiali che nn vanno d'accordo con la storia della città nn debba rappresentare un problema. sempre che questo sia fatto in modo che nn danneggi alcun essere umano o che i materiali che sono stati usati nn siano pericolosi per l'uomo o l'ambiente.

Inviato il 23-03-2007 19:05
Inviato da: Marco Girardi

Enios, di problemi Venezia ne ha e tanti, quel che manca non sono le lamentele ma le soluzioni. Ci fanno conferenze sui piagnucolamenti.

Inviato il 24-03-2007 01:07
Inviato da: Umberto Sartory

Caro ENIOS, dici bene "pericolosi per l'uomo o l'ambiente".
Ma ci sono molti modi di essere in tal modo pericolosi.

Assai prima che un uomo o un sistema decida di nuocere a se stesso e all'ambiente rilasciando I.E. veleni chimici nell'ambiente naturale, bisogna che dentro quell'uomo o quel sistema abbiano agito veleni di altro ordine, diciamo spirituale.

Cattivi maestri considerati mostri sacri nella formazione dei giovani, il "razionalismo architettonico", la larga diffusione di anestetici a fine ludico, sono veleni che vengono ben prima e hanno ben altra portata, sull'uomo e l'ambiente, da una canna fumaria in amiantocemento.

Inviato il 24-03-2007 12:18
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017