Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883285 Letture totali

Cose e Chiose ..:Torna indietro:..
IMPRUDENZE INCONSAPEVOLI
di ENZO PEDROCCO - inviato il 27/07/2007 (letto 2372 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
IMPRUDENZE INCONSAPEVOLI
Alcuni ragazzi si tuffano nel Rio di San Girolamo, dal Ponte delle Capuzzine, alla ricerca di un po' di refrigerio. Quanto consapevoli dei rischi connessi con tutto ciò, per la loro salute, non è dato sapere(20 Luglio 2007)

IL BAGNO IN RIO

Non vorrei fare il guastafeste o il menagramo ma è bene che i numerosi ragazzi che ho visto in questi giorni di caldo africano bagnarsi con allegria e divertimento in alcuni rii di Cannaregio sappiano – e magari ne tengano conto in futuro - in quale brodaglia chimica essi si siano immersi alla ricerca di un po’ di refrigerio, affatto inconsapevoli, a causa della loro giovane età, dei gravissimi rischi inevitabilmente connessi con tutto ciò e da essi, con ogni probabilità, corsi.

Secondo uno studio del Cnr e della Direzione ambiente del Comune conclusosi soltanto un paio di anni fa, e protrattosi per ben dieci anni (dal 1994 al 2004), tonnellate di piombo, zinco, idrocarburi e persino di arsenico e di pesticidi avvelenano infatti i rii veneziani. E, contrariamente a ciò che si sarebbe portati a pensare, tali veleni non derivano che in minima parte dagli scarichi delle industrie di Porto Marghera, ma derivano principalmente e soprattutto da fattori di tipo “urbano” quali, fra gli altri, l'intenso traffico acqueo con l'inquinamento dei motori, l'effetto della pioggia su tetti e selciati, la corrosione di intonaci, marmi e strutture metalliche, i rifiuti solidi, le acque fognarie, gli scarichi di ospedali e tipografie, la presenza quotidiana di 130mila persone tra abitanti e turisti, e persino i residui delle otturazioni dentarie.

Stante tale situazione, non occorre essere certo dei medici per figurarsi la mole di rischi igienico-sanitari a cui si può andare incontro
bagnandosi nei rii veneziani, alla stregua dei ragazzi summenzionati, tratti in inganno magari dalle acque relativamente pulite di qualcuno di essi, che non implica necessariamente, tuttavia, che le sue acque non siano inquinate.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Mau San



Inviato il 29-07-2007 08:09
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017