Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904536 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
IL GIGANTESCO TESCHIO DAVANTI A PALAZZO GRASSI
di ENZO PEDROCCO - inviato il 27/06/2008 (letto 3449 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
IL GIGANTESCO TESCHIO DAVANTI A PALAZZO GRASSI
UN' OPERA DI "LETTURA" TUTT'ALTRO CHE INTUITIVA E FACILE

"Very Hungry God", ovvero "Dio Molto Affamato", è il titolo del gigantesco teschio composto da ben 2000 pentolini in acciaio inox e situato, sopra una piattaforma galleggiante, all’esterno di Palazzo Grassi sul Canal Grande, opera dell’indiano Subodh Gupta.

Per lo più sconosciuta al grosso del pubblico e di lettura tutt’altro che intuitiva e facile, tale opera ha incuriosito fin dal suo primo apparire chiunque, sia veneziano che turista, si trovasse a transitarvi davanti – in battello o a bordo di qualche altro mezzo acqueo - che era solito in genere interrogarsi sul suo significato. Senza però riuscire, il più delle volte, a darsi una risposta.

Dopo la recente presentazione di Subodh Gupta a Venezia - avvenuta il maggio scorso allo Iuav nell’ambito del programma “Incontri di palazzo Grassi, aspettando Punta della Dogana” - e dopo soprattutto le delucidazioni che l’artista indiano stesso ha fornito in tale occasione intorno alla sua opera in generale e, specificatamente, sul teschio gigante di Palazzo Grassi, riprese da stampa e televisione, le cose sembrano andare, però,un pochino meglio.

Tanto e vero che in battello ora può anche capitare di assistere a scenette come quella a cui, alcuni giorni addietro, è capitato a me di assistere proprio nel momento in cui il battello transitava davanti a Palazzo Grassi.

Constatato che un anziano signore, il quale andava chiedendo lumi a proposito del teschio a destra e a manca, non riceveva alcuna risposta in quanto intorno a lui c’erano soltanto turisti stranieri, il giovane marinaio del battello si premurò di accorrere in suo aiuto: Simboiza l’India, sior. L’India e ea so fame atavica. E l’artista, col so teschio, ne vol ricordar che molte persone nel so Paese, ma anca nel resto del mondo, xe ancora affamae e destinae spesso a morir.

Mentre l’anziano signore annuiva soddisfatto, io non potei fare a meno di constatare che la spiegazione fornita dal marinaio, seppure in dialetto, corrispondesse in sostanza a quella fornita dalla critica in genere. E testimoniasse fra l’altro che, con un minimo di informazione, chiunque possa accostarsi e comprendere l’arte contemporanea, anziché rifiutarla aprioristicamente, come fanno molti, ritenendola a torto astrusa e incomprensibile.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Enzo Pedrocco (enzopedrocco@gmail.com)

Non a caso Picasso, a chi gli obiettava l'incomprensibilità della sua pittura, era solito replicare che anche il cinese poteva apparire tale agli occidentali che non lo conoscevano affatto, mentre il problema non si poneva assolutamente, invece, per quegli occidentali che, oltre a conoscerlo, erano anche addentro ai diversi linguaggi, parlate etc. in cui veniva espresso.

Inviato il 28-06-2008 13:11
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017