Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903173 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
AMBULANTATO ABUSIVO
di ENZO PEDROCCO - inviato il 04/09/2008 (letto 2594 volte - 3 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
AMBULANTATO ABUSIVO
SCONCERTANTE E VERGOGNOSO

Trovo piuttosto sconcertante, oltre che vergognoso, il fatto che gli ambulanti irregolari, a dispetto di una severa ordinanza emessa in merito a essi con il proposito di contrastarne drasticamente e definitivamente l’attività, possano tuttavia continuare imperterriti a esercitare i loro traffici illegali e a spostarsi impunemente da un luogo all’altro di Venezia con i loro immancabili borsoni stracolmi di mercanzia.

I quali borsoni – sarà bene ricordarlo - oltre a una sfacciata, plateale e derisoria violazione della legge, rappresentano nel contempo anche un potenziale e costante pericolo per tutti i passanti: non è un mistero infatti che gli ambulanti irregolari, durante i blitz delle forze dell’ordine, non si fanno solitamente il benché minimo scrupolo di usare i loro borsoni stracolmi di mercanzia per travolgere chiunque s’imbatta in loro fuggendo, allo scopo di costringere gli agenti a fermarsi per prestargli soccorso.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: elb@so

Pensate che paradosso qui a Venezia!
Venditori abusivi extracomunitari che vendono
borse vere ( leggete il libro Gomorra )
e negozi regolari che vendono vetro cinese
con l'etichetta "made in Murano "....
Tutto questo succede perchè non c'è piu
un popolo degno di abitare questa città
e questo si rispecchia nelle giunte comunali ....
Smettiamola di prendercela con gli amministratori
o le forze dell'ordine .... la colpa è nostra :
mia , tua , del nostro vicino di casa
e smettiamola di chiamarci Veneziani
non ne abbiamo il diritto se abbiamo lasciato
fare questa fine alla città...

Inviato il 04-09-2008 10:31
Inviato da: jacopo pedrocco (jacopo555@hotmail.it)

leggo il commento di elb che mi trova completamente in sintonia, eppoi diciamoci la verita', i vari D & G, Benetton, Gucci ecc, si fan fare i prodotti all'estero, con la scusa di " diversificare ", utilizzando manodopera extracomunitaria mal pagata se non sfruttata, ai quali, reimportati , vengono aggiunti solo l'etichetta made in Italy o magari un dettaglio qualsiasi per spacciarlo per prodotto nostrano. Eppoi parliamo di correttezza, trasparenza, onesta' e balle del genere. Meglio addossare la colpa di tutto ai neri che sbarcano il lunario, mafia per mafia scegliamo quella che ci danneggia meno.
Svegliatevi " venessiani " tralaltro state continuamente svendendo la vs. citta' al miglior offerente e in ...nero.

Inviato il 05-09-2008 05:22
Inviato da: Luca

Chiaramente limitandomi al problema estetico e non umano che rappresentano i venditori abusivi, mi trovo d'accordo su quanto scritto.
Aggiungo solo che io odio (ODIO SEMPRE ESTETICAMENTE PARLANDO) anche gli ambulanti regolari che trasformano in un souk le zone che sono state date loro in concessione. Il mio sogno sarebbe vedere la riva degli schiavoni e la ruga degli Oresi finalmente sgombra da quelle inutili e volgari bancarelle che non portano benefici ai veneziani, a meno che non si parli di quei veneziani che sono proprietari delle stesse bancarelle.
Infine la mia speranza, quando mi capita di vedere gli abusivi che fuggono sbattendo i loro borsoni addosso alle persone, è che colpiscano, ferendoli, i turisti, che a Venezia sono oramai da tempo una massa fastidiosa e inutile per la maggior parte dei veneziani che di turismo non vive, ma soffre!

Inviato il 29-01-2009 16:02
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017