Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1903225 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
Carissimi AMICI
di Luciano Callegaro - inviato il 22/10/2008 (letto 2303 volte - 2 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Carissimi AMICI
Carissimi AMICI,
manco da Venezia da quasi un anno e sento la mancanza delle mie passeggiate solitarie alle nove di sera quando tutto è chiuso, le luci delle vetrine sono spente, e le luci fiocche dei lampioni illuminano a malapena i selciati sdrucciolevoli. Cala a quell'ora una debole nebbiolina tra le calli e l'umido che mi penetra nelle ossa mi fa rabbrividire come la morte mi volesse abbracciare e nel silenzio ovattato il suono di una sirena echeggia sordo, ma tutto questo mi fa sentir bene. Mi riapproprio dell'odore della storia millenaria, mi riapproprio dei fantasmi del passato e del silenzio che mi fanno compagnia lungo tutto il mio peregrinare senza meta. Guardo in su e pochi scuri aperti fanno trasparire deboli luci giallastre. Invidio chi ancora può far riposare le proprie ossa tra queste antiche mura.
Leggo e continuo a leggere le disavventure di questa città. Ogni giorno che passa una pietra viene sepolta e scompare tra i mille rivoli dei ricordi. Mi si dice che il Ponte della Costituzione (ex Calatrava) balla, traballa e ondeggia, insomma non è stabile come quelli di pietra, e che i gradini sono dei trabocchetti per i viandanti, e che il parapetto di ottone con il sole scotta, e che le trasparenze ... E' VERO CIO'? M'ero accorto anch'io che i gradini sulla riva, non quelli del ponte, avevano un'alzata inferiore a 10 cm per cui più adatta a dei bambini che a degli adulti. Un buon progettista non farebbe mai delle alzate così basse, anche se la regoletta 2a+1p (due alzate + una pedata) dovrebbe fare 63/65 cm, ma dovrebbe tener conto del passo di un adulto. Ho fatto presente al signor Sindaco (prof. Massimo Cacciari), a proposito vi allego una simpatica fotografia inviatami da un amico, che i gradini tra Piazzale Roma e la fondamenta non mi sembravano tanto comodi, infatti ho osservato che la gente li affronta in diagonale. Mi ha fatto rispondere, immediatamente, da un suo tecnico o da un Direttore, il quale mi ha fatto osservare che i gradini sono corretti secondo la formuletta (2a+1p) che si trasforma in 9+9+45=cm 63 (+ o -) OK! ho torto io, comunque ci cammino male.
Grazie per la vostra continua e costante presenza.

LUCIANO

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Luciano (comitato17settembre@yahoo.it)



Inviato il 14-01-2009 20:10
Inviato da: Tello (tello.venezia@libero.it)



Inviato il 16-01-2009 09:52
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018