Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904516 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
RECESSIONE
di ENZO PEDROCCO - inviato il 27/11/2008 (letto 2377 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
RECESSIONE
CONDANNATI A CONSUMARE E A INDEBITARCI


Di fronte alla recente recessione capitata fra capo e collo anche al nostro Paese, fra i numerosi altri, niente paura: continuiamo imperterriti a fare la vita di sempre, non disdegnando possibilmente – come usa – a vivere talora al di sopra delle nostre possibilità, e ne verremo senz’altro fuori quanto prima. Questo è almeno il parere di uno dei "guru" tra i più accreditati nell'ambito economico-finanziario internazionale, tal Jacques Attali, unanimemente considerato, in virtù della sua sterminata cultura, un mostro di erudizione. E attualmente, com'è noto, presidente della "Commissione per la liberazione della crescita" voluta dal presidente della Repubblica francese Nicolas Sarkozy.

Per Jacques Attali l'importante non è, infatti, come si sarebbe portati a pensare, di consumare meno e di ridurre i nostri debiti. Bensì di osare consumare e osare anche indebitarci. E ciò in virtù del fatto che, com’è noto,"tout se tient": più la gente disporrà di denaro, sia pure contraendo debiti, più consumerà e più alto sarà ovviamente il fatturato delle imprese, che potranno investire maggiormente e aumentare, così facendo,la possibilità per la gente di trovare un lavoro.

Un discorso, quello dell’intellettuale ed economista francese, che non fa minimamente una grinza. Mi domando tuttavia a quale grado di coercizione e sottomissione si ridurrebbe la nostra vita se lo mettessimo in pratica seguendolo pedissequamente alla lettera. E, soprattutto, che razza di vita sarebbe.


(Foto tratta dalla Rete)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: marian

Si vede inbfatti la crisi in cui ci troviamo oggi.

Inviato il 26-08-2009 13:19
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017