Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1945007 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
In morte di Aldo Zari
di Umberto Sartori - inviato il 05/03/2011 (letto 3185 volte - 2 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
In morte di Aldo Zari
Non scriverò molto di te, Aldo; non che non abbia da raccontare, delle nostre tante e intense frequentazioni, ma proprio per via della principale natura di queste, che sempre hai improntato alla completa trasparenza dei tuoi spesso contrastanti sentimenti.
Non che ci fosse in questa nostra intimità qualcosa di segreto o di irrivelabile. Spesso quello che "confessavi" intimamente a me lo avevi già "commesso" platealmente e talvolta drammaticamente al mondo. Rimane tuttavia su quei ricordi un'aurea riservata a quella trasmissione verbale che li ha generati, che mi impedisce adesso di farne Letteratura, pur realistica e sincera come questo mio breve scritto.
Chiunque ti abbia conosciuto sa, della continua battaglia interiore tra un'anima fanciulla di poeta e uno spirito inquieto fino alla turbolenza, che si traduceva nei rapporti alternanti tra quelli con un amico dotto e saggio e quelli con un demone inferocito.
Il nostro ritrovarci sempre nella Verità del Cristo non ha mai lasciato protagonista il demone nel nostro rapporto, ma la cattiva educazione impartita agli artisti ormai da generazioni ha fatto sì che tu stesso continuassi a nutrirlo, mentre tanto angustiava la serenità della tua vita e di quella dei tuoi amici.
Un demone paradossalmente arroccato dietro una frase della Bibbia, che spesso citavi:
"Non sei stato ne freddo ne caldo, per questo io ti vomiterò dalla mia bocca".
Ho cercato a lungo di convincerti che la tua interpretazione di quel versetto, cristallizzata nella convinzione di dover sempre manifestare tutto ciò che dalla pulsione affiorasse alla coscienza, senza por filtri alla sua eventuale veemenza, fosse sostanzialmente inadeguata a un corretto uso del Libro Sacro.
La mia logica serrata ti ha spesso stretto all'angolo, tuttavia sei rimasto nell'impossibilità di scegliere, di fissare la tua missione al servizio del Bene o nella punizione del male, di diventare cioè omogeneo a te stesso.
Questa non è posizione consigliabile ad alcun essere umano, e l'apprendere che hai abbandonato il tuo corpo mi è quasi di sollievo: troppo ho visto nei tuoi occhi e nella tua voce i picchi di sofferenza della tua altalena.
Già mi avevi abituato a lunghi periodi di lontananza, e questa tua "morte" non è per noi pittori vera separazione, ché il mio dialogo con te continua in pectore e nel ricordo, cosicché io ti posso scrivere come a vivente, perché vive sento ancora le tue risposte. E ancora viva spero tu senta la poesia che dedicai alla tua pittura in anni più felici di questi:

Fotosintesi
(Sui quadri di Aldo Zari)

Lavoro di sciabola e di carezza
un disboscare che intrica lo spazio
incantevoli o terrifici anfratti
spiragli e grovigli d'insondabile

Son quinte ebbre di ragno che intesse
lirica e profonda casa al colore
per essere sguardi a occhio di mosca

Schiocchi di segno frustano i pensieri
Forma e frequenza dalla luce di Dio
alla luce del Sole dan lo sguardo

Tocchi di sogno per occhi di segno
occhi di mosca guardano sé stessi

Il funerale avrà luogo Mercoledì 9 Marzo alle ore 11:40 presso l'Isola di San Michele

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Marco Girardi



Inviato il 08-03-2011 10:34
Inviato da: (mariaj.falcao@hotmail.com)

Ho conosciuto molto bene Aldo zari. A venezia, a Roma, a Lisbona...
Era un uomo buono e un grande amico, intelligente e sincero.
Mi dispiace tanto...
Maria

Inviato il 09-03-2011 15:59
Sito web: http://falcaodejade.blogspot.com
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018