Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1881491 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
Costituzione - e sua modifica
di Luigi 'Gigio' Zanon - inviato il 11/04/2005 (letto 1662 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Sign. Direttore,stiamo assistendo da diversi giorni gli alti lai di quelli che non vogliono una modifica alla Costituzione e tirano fuori argomenti puerili a conforto delle loro tesi, e ciò lo ritengo ingiusto e anacronistico.Infatti l’ art.27 della carta dei diritti dell’uomo del 1789 sancisce:“Tutte le Costituzioni sono rivedibili, perche’ nessuna generazione ha il diritto di assoggettare alle sue leggi le generazioni che seguiranno.”Pertanto la Costituzione italiana, vecchia di sessantanni, non puo’ essere piu’ valida per noi oggi e ne’ puo’ esserlo per i nostri figli oggi e per i nostri nipoti domani.Entrando nel particolare poi, leggiamo che taluni politici non vogliono la Polizia locale, non vogliono taluni testi scolastici localizzati, non vogliono che la sanità do ogni regione sia adeguata alle proprie esigenze, ecc. ecc. Allora saremo costretti a continuare a vedere, come adesso, che per i cinquantamila Comuni italiani sussistano regolamenti diversi, divise diverse, ecc. Ma perché? Perché non vogliono che si unifichino le varie Polizie comunali in Polizie regionali? Forse perché ci saranno pochi controlli di spesa? E perché ogni regione non può aggiungere alle nozioni basilari della Storia italiana anche le nozioni della Storia locale? Forse perché ci sarebbe un vero e proprio revisionismo storico che cozzerebbe contro taluni interessi locali?E perché se una regione vuole specializzarsi e combattere qualche malattia particolare gli deve essere impedito in nome di una ridicola sussidiarietà?Forse perché ciò toglierebbe il contributo statale a quelle incapaci di amministrasi per motivi … politici o clientelari? E perché dobbiamo assistere alle solite danze condotte dal Capo dello Stato nel caso di dimissioni del primo ministro, fino al punto di vedere a capo del governo uno che non è nemmeno stato votato?Per amor di Patria, tralascio il resto, ma è certo che un modo così … anomalo di contrastare delle innovazioni lascia molto da pensare e da dubitare.Cordialmente

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017