Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903257 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
Venezia - Aveva ragione Marinetti...
di Tiziano Scarpa - inviato il 03/03/2001 (letto 2190 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Aveva ragione Marinetti, Venezia bisognerebbe raderla al suolo. Non tanto la città, ma l’idea di
Venezia: cioè la sua contemplazione, che genera tutto ciò contro cui io combatto.
Provate ad accompagnare un forestiero per la città, sentirete come si trasforma, che cascata di
superlativi vi tira fuori: bellissimo! splendido! meraviglioso! fantastico! Venezia, non per colpa
sua, ma per colpa di chi la guarda, è una tremenda macchina generatrice di retorica. E quindi, come
una sana secrezione di anticorpi, è una macchina generatrice di antiretorica. Mette in scena la
solita, insopportabile sceneggiata del conflitto fra sublime e triviale. La grazia e la cacca dei
piccioni, la gondola e le bestemmie dei gondolieri.
Forse per questo Venezia ha generato molti poeti e scrittori, o ha fatto scrivere di sé molti poeti
e scrittori che sono passati di qui: perché è una città che sfida il linguaggio, ogni volta bisogna
inventarsi un nuovo modo di parlare che eviti la stucchevolezza e la parolaccia. Un modo di
esprimersi che stia in mezzo a questi due estremi, senza essere piatto. Un’iperpoesia apoetica:
praticamente l’impossibile, praticamente la poesia.
Giro per la città, vedo i turisti con la macchina fotografica e la videocamera: Venezia impressiona
chilometri di pellicola e nastro magnetico, è come un serpente che perde scaglie, un animale che fa
la muta della pelle senza sosta. Venezia genera tonnellate di parole e cartoline, la sua superficie
viene affettata incessantemente in queste sottilissime lamine verbali e visive che la mantengono
sempre nuova e tirata a lucido nella sua decrepitezza, mai veramente detta, mai veramente vista
fino in fondo.


Tiziano Scarpa è nato a Venezia nel 1963. Per Einaudi ha pubblicato il romanzo Occhi sulla
graticola (1996), la raccolta di racconti Amore® (1998) e la raccolta di saggi Cos’è questo
fracasso? (2000). Per Feltrinelli è uscita l’originale guida Venezia è un pesce (2000), divisa in
capitoli che si intitolano: Piedi, Gambe, Cuore, Mani, Volto, Orecchie, Bocca, Naso, Occhi, che
descrivono le esperienze fisiche ed emotive che si vivono nella città lagunare
.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017