Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904513 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
NO AI CATASTROFISTI E MENAGRAMI - CLIMATOLOGIA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 08/02/2004 (letto 1986 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
NO AI CATASTROFISTI E MENAGRAMI - CLIMATOLOGIA
CLIMATOLOGIANO AI CATASTROFISTI E MENAGRAMIENZO PEDROCCOUn dinosauro a un altro dinosauro:“da un po’ di tempo a questa parte,il tempo non è più lo stesso”.(Colta al volo,durante una pausa dei lavori,a un congresso di climatologia)Sotto il profilo meteorologico l’estate di quest’anno,a differenza di quella dell’anno scorso,non è poi così malvagia come,con qualche ragione, si temeva potesse essere.Non c’è stato se non altro,per esempio, il caldo torrido che caratterizzò pressochè interamente,come si ricorderà,l’estate scorsa e che in questa,almeno per il momento,si è fortunatamente fatto sentire,invece, soltanto a tratti.Prima di cantar vittoria rimane ancora da vedere,naturalmente, se agosto,appena iniziato, e settembre si comporteranno come i mesi che li hanno preceduti o se,alle volte,ci riserberanno qualche brutta sorpresa.Ma almeno finora - salvo,ovviamente,a non venire smentiti prima che essa finisca - possiamo senz’altro considerarla un’estate nella norma e tale,di conseguenza,da non destare preoccupazioni o sollevare interrogativi alla stregua di talune estati di questi ultimi anni,a causa,soprattutto, della loro anomala e inspiegabile calura.A dispetto della sua normalità,non pochi autorevoli esperti del settore,in specie quelli maggiormente presenzialisti – che si dà il caso siano anche,ahinoi, quelli maggiormente menagrami - hanno tuttavia voluto assolutamente vedere in essa, o in qualche suo particolare aspetto,ancorché nel complesso agli antipodi rispetto all’anomala e torrida estate dell’anno scorso,un ennesimo inequivocabile sintomo,se non una conferma vera e propria, dello stravolgimento climatico che,a loro dire,sarebbe in atto nel pianeta.E attraverso i giornali o la televisione,come usano fare da un po’ di anni a questa parte,puntualmente a ogni estate,non si sono peritati di togliere il sonno e l’appetito a non pochi italiani,in specie a quelli maggiormente emotivi e impressionabili,ragguagliandoci dettagliatamente,e sadicamente,sui catastrofici scenari futuri che,secondo i loro calcoli e le loro previsioni, ci attenderebbero.Tutto ciò,nonostante che la climatologia,secondo il parere della stragrande maggioranza di coloro che vi si applicano con serietà, sia ancora una scienza relativamente giovane e nessuno dei suoi adepti,che si sappia,ha ancora scoperto alcunchè di certo con cui suffragare,in maniera inequivocabile,le proprie affermazioni.E nonostante,inoltre, che i climatologi più avveduti,quelli,in altre parole, che ritengono sia d’uopo una certa cautela – e poco inclini ,pertanto,al presenzialismo e alla “chiacchiera” mediatica - siano per lo più dell’avviso che non sia affatto possibile,oggi come oggi, una previsione scientificamente credibile ,dovendosi necessariamente basare sulla conoscenza della storia del clima e dell’ambiente su scala millenaria,la cui lettura e comprensione – non foss’altro che per le frequenti discontinuità che hanno caratterizzato tale storia nel corso dei millenni - sono ancora assai lungi dall’essere congruamente acquisite.ENZO PEDROCCO

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017