Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1956245 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
NO ALLA PUBBLICITA` INVASIVA -  
di Enzo Pedrocco - inviato il 05/12/2004 (letto 2289 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
NO ALLA PUBBLICITA` INVASIVA -  
NO ALLA PUBBLICITA’ ECCESSIVAMENTE INVASIVAAlcune multinazionali sono accorse in aiuto di Venezia in questi ultimi anni accollandosi l’onere di vari restauri;sponsorizzando non poche manifestazioni di vario genere;finanziando in parte o del tutto l’attività di associazioni,fondazioni, enti pubblici;etc.Mentre trovo tutto ciò oltremodo meritorio e degno di approvazione,disapprovo nel modo più assoluto per contro,ritenendola affatto negativa e discutibile,l’enorme mole di pubblicità invasiva che talune di tali multinazionali sono solite esigere,in genere, in cambio dei loro esborsi,non tenendo in alcun conto il fatto che la realtà architettonico-urbanistica di Venezia – tale a rigore da non consentire,pena il suo stravolgimento,alcunchè di estraneo a essa – imporrebbe loro,invece, un comportamento meno esigente e più sensibile,auspicabilmente lontano le classiche mille miglia dall’angusta e rigida norma del ''do ut des'' che regola solitamente i rapporti commerciali.Un siffatto comportamento,che si sforzasse di trovare delle alternative alla pubblicità invasiva consapevole della sua inconciliabilità con una città decisamente ''sui generis'' qual è Venezia,sarebbe fra l’altro maggiormente in sintonia con i criteri a cui i massimi esperti del settore sono soliti informarsi oggigiorno - avendo essi constatato che c’è una sorta di rigetto da parte del pubblico,a lungo andare, nei confronti della pubblicità eccessivamente invasiva – e garantirebbe altresì,a mio modesto modo di vedere,un ritorno in termini di immagine molto più onorevole e lusinghiero,senza ombra di dubbio, rispetto al ritorno solitamente garantito da un comportamento improntato solo e unicamente al mero tornaconto economico.ENZO PEDROCCO

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018