Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904498 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
NO ALLA PUBBLICITA` INVASIVA -  
di Enzo Pedrocco - inviato il 05/12/2004 (letto 2236 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
NO ALLA PUBBLICITA` INVASIVA -  
NO ALLA PUBBLICITA’ ECCESSIVAMENTE INVASIVAAlcune multinazionali sono accorse in aiuto di Venezia in questi ultimi anni accollandosi l’onere di vari restauri;sponsorizzando non poche manifestazioni di vario genere;finanziando in parte o del tutto l’attività di associazioni,fondazioni, enti pubblici;etc.Mentre trovo tutto ciò oltremodo meritorio e degno di approvazione,disapprovo nel modo più assoluto per contro,ritenendola affatto negativa e discutibile,l’enorme mole di pubblicità invasiva che talune di tali multinazionali sono solite esigere,in genere, in cambio dei loro esborsi,non tenendo in alcun conto il fatto che la realtà architettonico-urbanistica di Venezia – tale a rigore da non consentire,pena il suo stravolgimento,alcunchè di estraneo a essa – imporrebbe loro,invece, un comportamento meno esigente e più sensibile,auspicabilmente lontano le classiche mille miglia dall’angusta e rigida norma del ''do ut des'' che regola solitamente i rapporti commerciali.Un siffatto comportamento,che si sforzasse di trovare delle alternative alla pubblicità invasiva consapevole della sua inconciliabilità con una città decisamente ''sui generis'' qual è Venezia,sarebbe fra l’altro maggiormente in sintonia con i criteri a cui i massimi esperti del settore sono soliti informarsi oggigiorno - avendo essi constatato che c’è una sorta di rigetto da parte del pubblico,a lungo andare, nei confronti della pubblicità eccessivamente invasiva – e garantirebbe altresì,a mio modesto modo di vedere,un ritorno in termini di immagine molto più onorevole e lusinghiero,senza ombra di dubbio, rispetto al ritorno solitamente garantito da un comportamento improntato solo e unicamente al mero tornaconto economico.ENZO PEDROCCO

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017