Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1956387 Letture totali

Mare e Laguna ..:Torna indietro:..
Moto Ondoso - Una situazione paradossale
di Giannandrea Mencini - inviato il 03/03/2001 (letto 2132 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Migliaia di barche ogni giorno transitano in laguna e attraverso i rii di Venezia. Sono sempre più
grandi, sempre con motori più potenti, sempre più indisciplinate.
Il traffico acqueo uccide Venezia. Lo fa quasi in sordina, piano piano ma con grande continuità e
non tutti hanno capito che il moto ondoso è diventato un problema di preminente interesse per la
salvaguardia di Venezia e della sua laguna. Si continua a parlare di acqua alta, si continua a
dibattere sull’opportunità del MOSE, ma nessuno ancora percepisce la gravità della situazione delle
fondamenta dei palazzi veneziani e delle rive cittadine ricche di storia, che hanno resistito per
secoli, ma che sono ora messe a dura prova da una pressione innaturale, a cui non potranno
resistere ancora a lungo se non verranno presi seri provvedimenti.
Fin dalla prima legge speciale del 1973 lo Stato italiano e le istituzioni locali hanno cercato
con vari provvedimenti di portare ordine e disciplinare il settore senza però ottenere risultati
positivi. La frantumazione delle competenze legislative e la mancata volontà politica determinano
una situazione che secondo la prestigiosa rivista internazionale National Geographic dimostra che
Venezia è l’esempio, il risultato lampante di tutti i pericoli che mettono a repentaglio i tesori
d’Italia: degrado ambientale, sterili manovre politiche, elefantiasi della burocrazia, l’impatto
del turismo e, nei cittadini stessi, una curiosa combinazione di cinismo, d’impotenza, e una
pressoché sublime inconsapevolezza dell’ironia delle proprie azioni.
Per esempio, mentre il Sindaco esprimeva preoccupazione per i danni inflitti dalle onde, un altro
politico proponeva di concedere 300 nuove licenze di taxi. Poi c’è la volta in cui due gondolieri
vengono a un incontro di Pax in Aqua per consegnare una lettera di protesta. Le onde rendono il
loro lavoro più difficile, anche pericoloso; vogliono aggiungere la propria voce al coro dei
reclami di altri cittadini. E si presentano a bordo di un motoscafo.
Queste brevi righe scritte con profonda ironia e nello stesso tempo con grande senso della realtà
descrivono nel modo migliore una situazione che, nella sua cruda drammaticità e nella
consapevolezza dell’inefficacia delle azioni fin qui intraprese, appare perfino paradossale.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018