Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883356 Letture totali

Mare e Laguna ..:Torna indietro:..
Ecco la cupola che ha salvato Venezia - e che adesso la uccide
di Umberto Sartory - inviato il 14/07/2004 (letto 2143 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Ecco la cupola che ha salvato Venezia - e che adesso la uccide
Alcuni di voi la avranno vista in tutta la sua maestosità, la mattina di lunedì 12 luglio.Le nubi la hanno tracciata e resa visibile con grande evidenza. E' la cupola metereologica che avvolge Venezia, e che nei miei scritti sul Comitato di Salute Pubblica ho paragonato alla pallina di vetro con la neve.Questo corrugamento atmosferico ci ha salvato per decenni dai fumi di Porto Marghera e dalle altre porcherie che avvenivano e avvengono in terraferma.Adesso invece, con le grandi navi e il dissennato uso dei motori marini fatto dai miei concittadini, questa stessa cupola stà accelerando parossisticamente la distruzione della nostra meraviglia millenaria. I fumi solforici e nitrici delle navi e dei motori salgono caldi come gas, poi, raffreddandosi, ricadono all'interno della cupola che vedete. Quando arrivano a 3-4 metri dal pelo dell'acqua trovano umidità sufficiente da trasformarsi in acidi, e mangiano le pietre e i polmoni (soprattutto dei bambini, a quanto si dice).Possiamo ringraziare che qui nevica poco e la neve se ne va subito. Dopo la nevicata di quest'anno, infatti, le tegole che vedo dal mio balcone hanno cominciato a mostrare pustole rosa, in quanto i gas avevano trovato acqua per acidificare ben più in alto che a 3-4 metri dal pelo d'acqua. Meno male che nevica poco, perché, mentre mattoni e pietra d'Istria offrono alla corrosione spessori di molti centimetri, per le tegole si parla di 2 centimetri al massimo, e quando le tegole cominciano a cedere su larga scala agli edifici sottostanti resta ben poca speranza.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017