Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903224 Letture totali

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
Accademia: Ancora Cemento
di Umberto Sartori - inviato il 08/11/2005 (letto 2418 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Accademia: Ancora Cemento
Accademia: ancora cemento

L’aggressione al patrimonio edificato di Venezia ha un altro fronte, oltre a quello della solfatazione e dell’idrolisi delle pietre.
Incuranti del fatto che già negli anni ’50 un ingegnere in servizio pubblico aveva inzeppato i palazzi storici di cuciture in cemento armato, e che negli anni ’70 la Provincia aveva dovuto avviare una campagna di decementificazione, perché il peso delle cuciture minava gravemente la statica, gli attuali restauratori si preparano a colare tonnellate di cemento e ferro anche nei cantieri delle Gallerie dell’Accademia. Vediamo nella foto alcune delle gabbie di armatura che chiaramente mostrano questa intenzione, depositate sulla riva dell’Accademia. Tra l’altro, rimanendo accatastate per giorni alle intemperie, stanno facendo diventare rosse anche le pietre bianche della riva.

Sui cantieri dell’Accademia c’è un altra novità. Tutta la recinzione, in solidi pannelli di conglomerato truciolare, è stata rivestita di lamiere zincate. Questa operazione ha richiesto per settimane l’uso di una squadra di almeno tre operai, oltre al costo delle lamiere stesse, varie centinaia. Le lamiere sembrano destinate a un “usa e getta”, dal momento che per montarle le ho viste sforacchiare con decine di viti piuttosto alla rinfusa. Niente dunque indica che siano state predisposte per un “monta-smonta”. Ma dico io, quale motivo vi può essere per una operazione del genere? Non certo estetico, visto che le soluzioni d’angolo, pericolose per gli spigoli sporgenti delle lastre, a esempio, sono raffazzonate con coperture in rozze cantinelle avvolte in nastro da cantiere.
Le lamiere di fatto non migliorano l’estetica, tra l’altro, per l’equilibrio cromatico di Venezia il colore del legno è molto più intonato.
Le lamiere non migliorano la resistenza all’acqua dei pannelli, né al fuoco. Con ogni probabilità entro poco tempo gli acidi contenuti nell’orina dei cani (e magari fosse solo la loro, in questa città così piena di maiali che orinano dove capita) e la salsedine aggrediranno la parte bassa delle lamiere, producendo lacerti ruggini assai pericolosi soprattutto per i bambini... No, davvero non vedo giustificazioni alla costosissima operazione di foderatura metallica della staccionata di un cantiere...

Una ragione logica sola, mi si presenta alla riflessione: un simile inutile lavoro e dispendio di materiali consegue lo scopo di far lievitare i costi dell’Opera Pubblica, distribuendo fondi anche a ditte che non sarebbero direttamente coinvolte, come un lamierificio... Nonché far aumentare le ore di lavoro necessarie al montaggio e allo smontaggio del cantiere, dal momento che lamiere zincate e truciolari, anche se usa e getta, sono rifiuti da smaltirsi separatamente.
Chi ha interesse a far lievitare i costi pubblici? La risposta è ancora quella: il sistema dei partiti, che dagli appalti traggono sostentamenti e distribuiscono favori del tutto illeciti e perniciosi nell’Amministrazione della Cosa Pubblica.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: elBaso

Al giorno d'oggi si rincorre solamente il profitto
non importa se i restaure vengono fatti
con tecniche contrarie alla particolarità ,
alla unicità di Venezia ....
I lavori vengono fatti come nelle altre città
di terraferma , cemento....cemento e ancora cemento.
Addirittura sono state fatte delle leggi in maniera che
non sia più previsto fare i lavori a regola d'arte ,
grazie ai politici con cui dividono l'abbondante
torta .....

elbaso

Inviato il 01-12-2005 12:43
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017