Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903244 Letture totali

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
Ai Saloni del Sale Si Stacca una Fetta Pericolosa
di Umberto Sartori - inviato il 22/11/2005 (letto 2663 volte - 4 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Ai Saloni del Sale Si Stacca una Fetta Pericolosa
vedi altre foto vedi sulla mappa

Ai Saloni del Sale una fetta pericolosa per l'incolumità dei passanti si stà staccando. Sarebbe molto opportuno un sopralluogo da parte dei Vigili del Fuoco.

Nella muratura del primo Salone a ridosso del ponte Ca’ Balà si è aperta una frattura esfoliante che interessa il primo strato dei mattoni verso le Zattere fino a una altezza di molti metri.
Alcuni quintali di “rovinassi” pencolanti sopra la folla che si recava alla Salute in occasione della Festa.
Come si può vedere dal servizio fotografico, non si tratta di una fessurina, ma di una frattura nella quale si riesce agilmente a infilare una mano. Se lo aveste fatto, come abbiamo fatto noi, avreste sentito quanto l’ordine esterno dei mattoni, o quel che ne resta, è vicino al distacco dalla parete e al crollo.

Come non bastasse, l'enorme peso in calcestruzzo armato, gettato per costruire la demenziale "banchina" delle Zattere, stà stirando le Isole verso il Canale, come si vede dalle foto della crepa sul lato in rio terà e sul ponte dall'altro lato.

Veneziani, dovete proprio aspettare che le vostre case comincino a rovinarvi sulla testa, per rendervi conto che bisogna porre fine al traffico delle navi entro l’area metereologica che condiziona il Centro Storico?

Non pensiate che sia una cosa semplice, la questione delle navi. Vi sono potenti e fondate ragioni, locali e internazionali, perché il traffico a nafta pesante sia protetto.
Quelle locali riguardano soprattutto l’economia della città, che giustamente gravita sul turismo.

Noi pensiamo che questa popolazione, comunque, sia divenuta troppo mercantilmente specializzata, e riteniamo essenziale un ribilanciamento con le attività artigianali, nel nostro Programma del Comitato di Salute Pubblica.

Le attività artigianali, tra l’altro, sono particolarmente adatte a entrare in sinergia con il turismo, soprattutto quello di qualità. Ciò e dimostrato da moltissimi paesi e città italiani ed europei.

Le ragioni internazionali sono abbastanza chiaramente espresse, almeno nei loro effetti, dalla Convenzione Internazionale Marpol, firmata da oltre 50 Stati fra cui l’Italia.
Da quella Convenzione noi sappiamo che il Mondo non ha intenzione di accettare restrizioni sui carburanti navali per inquinamento, almeno per altri 30-40 anni. Venezia non ha tutto questo tempo.

Non c'è dunque una soluzione che possa prescindere da una concertazione con le Grandi Compagnie, e non solo quelle Armatoriali, anche quelle del Petrolio.

A Venezia servono uomini degni di trattare alla pari con le dirigenze di quelle Compagnie, che siano sappiano essere credibili e soprattutto sappiano lavorare con loro alle soluzioni.
Fino a ora gli abbiamo invece solo offerto pagliacci corrotti e modernamente semianalfabeti. Vi pare strano che le Compagnie si siano limitate a trattarli da pagliacci e comprarseli, per proseguire indisturbate nei loro affari?
Nessuno ti aiuta se tu stesso non vuoi aiutarti, anzi fai del tuo meglio per apparire moralmente ributtante.

Non vi sono dunque fondate ragioni per potersi affidare a ordinanze di Sindaci o di altri "poteri deboli".

Dobbiamo essere capaci di adattare la città, a questi tempi, non possiamo sperare in un adattamento di questi a noi.

Servono idee, progetti chiari, persone affidabili, capaci, oneste, interdisciplinari, sensibili alle sottili magie del costruire in pietra sul fango.

E per gestire i lavori necessari nel necessario ordine, senza impastoiarli nelle oggi consuete lotte di parti contrapposte, serve un potere forte, che sovrasti alle parti sociali e le mantenga nel rispetto inviolabile del Bene Comune della città.

Questa è l’offerta degli Artisti neorinascimentali e dei Cittadini organizzati nel Comitato di Salute Pubblica a Venezia. Visionate il nostro programma e i nostri progetti anche su ourvenice.org.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Alexander Bonivento

Confermo tutto.
C'ero anche io, e la mano che vedete é la mia.
Invito chiunque legga a provare in prima persona, e riportare qui le sue impressioni dopo aver (letterlmente) toccato con mano il problema.

Inviato il 22-11-2005 11:39
Inviato da: Umberto Sartory

Un gioco un poco pericoloso, Alex... Mi ricorda quello che si faceva in spiaggia, lo chiamavamo: "la Polenta"... Vediamo chi è il fortunato che resta sepolto...
Gli diamo in premio una delle magliette ombra.net, per degnamente accompagnarlo con il Bardo e la Vibrazione Primordiale... Om Nama Shiva.

Inviato il 22-11-2005 11:49
Inviato da: elBaso

E' stata una fortuna che fino adesso nessuno si sia fatto male .... ma ,come purtroppo siamo abituati a fare
in questo paese , si parla di queste cose solo quando sono
oramai crollate e se qualcuno ci lascia la vita ....
finchè tutto rimane li come una spada di damocle nessuno ,
tranne il Comitato , ne vorrà parlare ....

elbaso

Inviato il 02-12-2005 08:48
Inviato da: carlo michieli (michieli.carlo@virgilio.it)

Un gioco un poco pericoloso, Alex... Mi ricorda quello che si faceva in spiaggia, lo chiamavamo: "la Polenta"... Vediamo chi è il fortunato che resta sepolto...
Gli diamo in premio una delle magliette ombra.net, per degnamente accompagnarlo con il Bardo e la Vibrazione Primordiale... Om Nama Shiva.

Inviato il 22-11-2005 12:49

Inviato il 05-02-2006 09:06
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017