Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903516 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
Gli articoli fai da te che squalificano un giornale
di Alexander Bonivento - inviato il 08/01/2006 (letto 3144 volte - 7 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Gli articoli fai da te che squalificano un giornale
Era un pó che non tornavo a parlare del Gazzettino, per molti IL giornale della cittá di Venezia.
Personalmente non ne dó grande lettura, ma stamattina mi chiama la mammina per dirmi cosa ci ha trovato scritto sopra...

Titolo: "I siti fai da te che squalificano la cittá"
Autore: Daniela Ghio
Data: 8 gennaio 2006
Giornale: Gazzettino di Venezia
Locazione: Prima pagina

Quando per telefono la sopracitata mamma mi dá lettura in tempo reale di questa perla di giornalismo locale, quasi mi preoccupo: il primo trafiletto potrebbe quasi riferirsi anche al nostro glorioso sito.
Ve lo riporto fedelmente:

Nessuno ne sa niente, neppure Apt e Ava che pure dovrebbero essere informate sui siti informativi di Venezia, nè si riesce facilmente a conoscerne l’autore.
Siti internet su Venezia nascono ogni giorno come funghi, creati da veneziani che vogliono esternare il loro pensiero all’umanità o che cercano un modo di sbarcare il lunario, magari pubblicizzando il proprio Bed & breksfast o mettendosi d’accordo con alcuni albergatori per vendere le loro camere.

Ma poi di noi non si parla. Sono altri due i siti infami, brutti e puzzolenti.
Per caritá, ciascuno puó pensare e apprezzare ció che meglio crede. Anche la Signora Daniela.

Si parla di un sito che "unisce notizie utili sulla città a commenti decisamente poco obiettivi sul centro storico e i suoi abitanti, spesso ridicolizzandoli.".
Accidenti, cosa dirá mai di cosí terribile?
Vediamo l'estratto che l'articolo porta come esempio!

"Discorso a parte spetta a questo campo di Venezia nelle vicinanze di Piazzale Roma.
Qui d'estate troverete solo giovani con voglia di divertirsi e colloquiare con sommo dispiacere di chi attorno al campo ci abita e vuole dormire".
Una bella e buona presa in giro per tutti i residenti. Qualcuno si è già messo in contatto con la Polizia Postale per cercare di ottenere la cancellazione di questo scritto "oltraggioso e immorale".

MA É UNO SCOOOOOOOOOOOOOOP!!!!!
HA SCOPERTO SANTA MARGHERITA!!!
Come posso non essere d'accordo? Tale rivelazione richiederebbe l'intervento dei servizi segreti, é troppo per la sola Polizia Postale. Come si puó scrivere indecenze simili su un sito "fai da te"?
Devo solo cercare di capire cosa c'é scritto di cosí poco obiettivo e ridicolizzante. Non sará mica che la Signora abita da quelle parti o ha immobili da vendere in area? Boh...

Poi c'é il sito "ai limiti del razzismo". Sito forse un pó estremista, ma anche parecchio ironico.
Si parla dell'autore che spiega le differenze tra extracomunitari, con descrizione delle peculiaritá di ciascuno.
Va bene, qualcuno potrebbe sentirsi offeso. Altri meno. Altri per nulla.
Certo é che non si puó pretendere che tutti abbiano lo stesso senso dell'ironia, cosí come non si puó pretendere che tutti NON lo abbiano per niente.

Ma la parte che preferisco resta Santa Margherita!

Solo un piccolo appunto vorrei fare a Voi, illuminata Signora Ghio e Illustrissimo Editore del Giornale:
siete veramente convinti di quanto dite? Due siti presi a caso nel mare della rete tra le migliaia di siti "fai da te" che valorizzano questa Cittá sono veramente tale obbrobrioso problema?
Vediamo di capirci: se gli unici siti su Venezia fossero quelli "ufficiali" (diciamo sito del Comune ed eventualmente dell'AVA) come saremmo messi?

- Santa Margherita NON É un buon posto per passarci le vacanze tranqulli;
- Un albergo vicino al Canal Grande VUOL DIRE 5 EURO A CRANIO solo per arrivarci;
- Venezia NON É una cittá adatta ovunque per i diversamente abili;
- Venezia É UNA CITTÁ CHE STÁ SCOMPARENDO (http://ourvenice.org)
- Venezia É UNA CITTÁ PERICOLANTE E PERICOLOSA (sempre http://ourvenice.org)
- Il Comune dovrebbe ufficializzare il suo ufficio SMT (Sodomizzazione Monetaria per Turisti)

Tutto questo non é oltraggioso né falso: é vero. Ma non lo sentiremo mai dire dai canali ufficiali.
I siti "fai da te" sono un panorama che permette a chiunque di farsi un'idea realistica, materiale da consultare e confrontare. Nel bene e nel male.

Onestamente, si puó dire questo anche di Voi?
Siete un giornale che dá notizie?
E allora lasciate perdere queste stupidaggini, fate giornalismo da prima pagina VERO.
Se volete spunti gratuiti e di sicuro impatto (anche se non saranno come la perla di Santa Margherita), niente paura, ci siamo noi!
http://ourvenice.org
Andate, leggete, verificate. E dimostrate di essere giornalisti VERI, se potete.

E, per concludere, la solita raccomandazione:
Guardate cosa stá succedendo e firmate la Petizione

Amen

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: elbaso

Beh! il Gazzettino ha pubblicato il 6 Gennaio una lettera che avevo spedito l'11 Novembre .... meglio tardi che mai !!!
La fortuna ha voluto che sia stata pubblicata il giorno dell'epifania che,come tutti i giorni festivi,ha il maggior
numero di lettori .... Comunque il Gazzettino a mio parere
cerca di darsi un'apparenza di "difensore " della città ,
cercando però di non danneggiare nessuno dei poteri forti cittadini .... cosi non si fà informazione e sopratutto
non si difende la città .....
Per quanto riguarda i siti a detta del Gazzettino che " squalificano" la città dobbiamo ringraziare l' invenzione
della rete internet dove questi siti , come il nostro ,
hanno la possibilità di far vedere al mondo intero la vergogna del degrado di questa città che le autorità
e gli organi di stampa ignorano totalmente ( tg 3 regione)
o quasi come appunto il Gazzettino ....

elbaso

Inviato il 08-01-2006 12:45
Inviato da: Alexander Bonivento

Beh, se anche hanno pubblicato una lettera, é nulla.
Fare giornalismo significa anche andarle a cercare e verificare le notizie. Infine approfondirle, non solo pubblicare qualche lettera tanto per farci contenti.
Il mio appunto non era tanto sulla scelta fatta dalla giornalista, quanto il dedicare a tale emerita scempiaggine la prima pagina!

Inviato il 08-01-2006 13:47
Inviato da: nono.gigio (info@gigiozanon.com)

La signora Daniela Ghio, figlia di Tommaso, il cotanto padre ex direttore dell'ospedale civile (il quale ebbe e deninciarmi per ingiurie, solo per aver dimostrato la inefficenza della struttura da lui diretta e per avergli detto che deve vergognare, ma poi assolto in Pretura), è una signora sui 50 anni che abita in fondamenta dell' abbazia della misericordia ed è giornalista del Gazzettino da circa 20 anni.
Non è che sia una giornalista di quelle brillanti, di quella d'assalto - diciamo - tipo altre sue colleghe dello stesso giornale, ma ogni tanto scribacchia qualche cosa così come ogni tanto un suo articolo viene anche pubblicato.
E dal momento che in questo periodo - carnevale e carnevalate a parte - non è che ci sia molto da scrivere - basta contare le pagine dello stesso giornale... - si è pensato bene di riempirlo con questa puttanata...
Nulla di strano e nulla di trascendentale.
A me sembra che si dia troppa importanza per un articolo che lascia il tempo che trova e che domani tutti avranno già dimenticato...
Ricordo che a suo tempo parlarono anche del sito del comune di Venezia, il quale fu chiuso per le troppe critiche che scrivevano contro l'amministrazione...
Volete che si arrivi a così tanto?
Meglio lasciar perdere e non dar retta.
Domani è un altro giorno...
nono gigio

Inviato il 08-01-2006 15:53
Sito web: venicexplorer
Inviato da: Alexander Bonivento

Ma si Gigo, in fondo anche la mia é chiaramente una goliardata.
Domani é un altro giorno, ma almeno per oggi qualcuno in piú ha potuto vedere e leggere i riferimenti alla solfatazione e alla petizione! :D

Inviato il 08-01-2006 17:24
Inviato da: natale (natavian@libero.it)

non voglio difendere venessia.com tout court,ma difendere la libertà di parola.su tutti i siti che trattano di Venezia,si possono raccogliere dati e notizie per conoscere e valutare.penso che la signora non conosca e/o non condivida l'ironia che pervade il veneziano,e sopratutto non guarda,o meglio guarda ma non vede!!!! vi ricordate di Beppe Grillo????????

Inviato il 09-01-2006 13:50
Inviato da: Marco V. (mrcvid@yahoo.com)

non mi piace questa lettera perchè come frequentatore e amico di venessia.com, non credo faccia l'interesse di Stefano in un torto che lui ha subito di prima persona.
Non mi piace che si utilizzi un argomento relativo a delle accuse (anche pesanti) rivolte nel caso particolare a venessia.com per rendere noto un altro sito e un'altra battaglia.... nel caso di un torto subito non è piacevole avere un avvocato che pensa a suoi affari attraverso i tuoi.
Infatti sul gazzettino di martedì si sono visti i risultati....
E non credo che ti manchino le occasioni per far sentire la tua voce senza metterti dentro beghe di altri rischiando di fatto di peggiorare la situazione.

Inviato il 14-01-2006 08:25
Inviato da: Alexander Bonivento

Marco...

Io ormai da un pó ho preso ad attaccare il Gazzettino in quanto "nemico della Cittá".

Io non ho riportato i nomi dei siti nella mia lettera, se uno non avesse letto l'originale della Ghio non saprebbe nemmeno quali sono.

Inoltre il mio intento non era certo difendere Stefano, lo puó fare certamente da solo e col vostro appoggio, se vuole.
Al piú, la mia era una difesa dei siti non ufficiali, quelli che danno materiale che l'utente puó poi valutare. L'articolo li scredita, seppur prendendo due siti come esempio? E io scredito l'articolo, perché anche noi siamo un sito "fai da te".
E lo faccio ridendo!

Questa é la rete, io come te posso dire quello che penso.
Qui non siamo ne sul Gazzettino ne su Venessia.com. Le loro eventuali "beghe" sono fuori di qui, e qui io posso dire cosa ne penso.

Se non ti é piaciuta, mi spiace. Se non ti vá che io ci abbia anche messo in mezzo ourvenice, mi spiace. Ma se le occasioni per far sentire la mia voce non mi mancano, é proprio perché le trovo ovunque.

Io voglio difendere quella enorme realtá che ancora esiste e che porta il nome di VENEZIA, e se per far questo mi capita di entrare in un salotto "privato" e immischiarmi nelle beghe altrui, non me ne faró un problema.
Perché se non verremo ascoltati, tieni bene a mente che in futuro dovrete aggiornare l'attuale nome venessia.com in rovinassi.com, per essere coerenti con la realtá che vi circonderá.

Inviato il 15-01-2006 12:37
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017