Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904520 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
HOMELESS
di ENZO PEDROCCO - inviato il 12/01/2006 (letto 3184 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
HOMELESS
“LA NONNINA CON LA CASA APPRESSO”
E’ SEMPRE IN MEZZO A UNA STRADA


“La ‘nonnina con la casa appresso’ – così soprannominata per trascinarsi dietro le poche e misere cose costituenti la sua ‘casa’ – sembra essersi volatilizzata con l’arrivo dell’autunno e dei primi freddi. A differenza dell’estate appena trascorsa, in cui era abbastanza facile incontrarla durante il suo peregrinare per Venezia, da un po’ di tempo a questa parte, invece, sembra come sparita. Il mio augurio è che, grazie alla solidarietà e all’interessamento di qualcuno, sia stata accolta in qualche struttura pubblica e possa senz’altro passarsela meglio di quanto non avvenisse allorchè, come parecchi altri sventurati anziani come lei, era costretta a trascorrere le sue notti all’addiaccio”.

Così scrivevo alcuni mesi addietro,in un mio blog, di fronte alla repentina sparizione da Venezia di un personaggio fra il bizzarro e il patetico, conosciuto come “la nonnina con la casa appresso”, che ero solito incontrare pressochè invariabilmente ogni giorno e che, non avendolo improvvisamente più incontrato, mi auguravo ardentemente che avesse finalmente trovato una “sistemazione” definitiva da qualche parte, mercè il generoso aiuto di qualcuno. Invece, purtroppo, niente di tutto ciò: la nonnina con la casa appresso, infatti, è improvvisamente ricomparsa in questi giorni tra le calli e i campi di Venezia, tale e quale come prima: con la sua inseparabile sediolina e il trolley contenente tutte le sue poche e misere cose.

E ogniqualvolta, alla stregua di un tempo, mi capita d’imbattermi in lei, al di là del piacere di rivederla e della tenerezza che suscita sempre in me, non posso fare a meno di chiedermi se, nel nostro Paese, si fa veramente a sufficienza per i poveri. Ovvero se non sia il caso,alle volte,di dover assolutamente fare di più.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Mau San (mausan55@yahoo.it)

solo in certi periodi, ed in coincidenza con feste religiose. Non c'è il vecchio motto " passata la festa ecc." Caritas e chi più nè conosce più nè metta, è una fonte di guadagno, per loro. L' incapacità dell' essere stà nel fatto di allargare la visione a più problemi, senza risolverne uno.

Inviato il 24-01-2006 08:43
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017