Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1923355 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
VANDALISMO URBANO
di ENZO PEDROCCO - inviato il 17/01/2006 (letto 2988 volte - 4 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
VANDALISMO URBANO
C’E’ CHI VORREBBE ASSOLVERLO
CONSIDERANDOLO UN MALE INEVITABILE

Di fronte al deplorevole fenomeno del vandalismo urbano, che colpisce ovunque ormai quotidianamente senza soluzione di continuità, non sono pochi coloro i quali, tra i cosiddetti “esperti”, sarebbero dell’avviso di considerarlo come un male inevitabile – una sorta di “malattia fisiologica” della città – che rientrerebbe, a loro dire, nel normale corso delle cose. E tale, pertanto, da non richiedere provvedimenti mirati, da parte delle amministrazioni comunali, volti a combatterlo e a eliminarlo, come altri, invece, invocano.

Un siffatto atteggiamento, qualora dovesse malauguratamente attecchire, rappresenterebbe, secondo me, una vergognosa e inammissibile resa all’illegalità dalle conseguenze, sull’aspetto estetico delle nostre città e sulla loro vivibilità, a dir poco nefaste.

Se già oggi, i vandali, non si peritano di imbrattare i muri, incendiare i cassonetti o danneggiare qualunque cosa capiti loro a tiro nonostante le sanzioni previste per tali atti, ci si può ben figurare, infatti, che cosa essi non farebbero il giorno in cui non vi fosse alcuna sanzione a scoraggiarli o dissuaderli minimamente.
Con tanti cari e definitivi saluti, probabilmente, anche alla speranza – che, a dispetto di tutto, sopravvive un po’ in ciascuno di noi - di poter godere, prima o poi, di un contesto di vita anche soltanto un pochino più civile di quello che, nostro malgrado, ci è stato riserbato finora.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)



Inviato il 19-01-2006 09:58
Sito web: http://ourvenice.org
Inviato da: elBaso



Inviato il 19-01-2006 13:33
Inviato da: mathias (carlon_m@libero.it)



Inviato il 04-02-2006 10:30
Inviato da: ciao

ma questi giornalisti copiano gli articoli l'uno dell'altro

Inviato il 30-04-2006 16:05
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018