Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903215 Letture totali

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
Neve e Zolfo
di Umberto Sartori - inviato il 20/01/2006 (letto 2578 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Neve e Zolfo
Come è bella Venezia con la neve... I suoi mattoni divengono rubino ammantato di perla e brillanti. Spettacolo raro che non si dà ogni anno.

La quiete dei tetti assopiti come gatti argentati cela però una terribile insidia.
Oggi come oggi, infatti, la neve è la condizione meteorologica più avversa alla citta.

L'anidride solforosa emessa dalle navi, in condizioni di tempo asciutto, si trasforma in acido solforico solo a pochi metri dal livello del mare, dove comincia a trovare umidità sufficiente per tale reazione chimica. Trattandosi di particelle d’acqua in sospensione nell’aria, anche l’acido solforico tende a rimanere in sospensione, trovando il tempo per causare i mostruosi danni che possiamo vedere in città o sul sito ourVenice.

La pioggia al contrario con ogni probabilità abbatte rapidamente al suolo le anidridi; tuttavia svolge attività di dilavamento delle parti di pietra già gessificate esponendo, al ritorno del sereno, gli strati più interni dei manufatti a nuove solfatazioni.

Ma se incontra invece la neve già a livello dei tetti, il composto corrosivo solforico viene a formarsi direttamenta a contatto delle tegole. E si forma per di più in stato pressoché gelificato e in condizione di agire per ore o giorni.
Chi conosce le batterie d'auto a elettrolita gelificato, ben sa come quest'ultimo sia assai più efficace e longevo in quello stato che allo stato liquido.

Se l'acido in forma aereosol genera i danni che possiamo vedere ai mattoni posti ad altezza d'uomo, potete ben immaginare quanta meno resistenza offra l'esiguo spessore di una tegola.

Sui tetti visibili dalle mie finestre, già da quasi due anni osservo e fotografo pustole rosa fiorire sulle tegole vecchie e antiche che si mostrano sempre più fragili, mentre quelle nuove di un racconcio recente si fanno uniformemente più porose in superficie. Potete vedere voi stessi i danni evidenziati dalle frecce nella foto.

Per fortuna Venezia si veste di perle molto raramente, o i calcoli del tempo rimastoLe pubblicati dal Comitato di Salute Pubblica rischierebbero di rivelarsi troppo ottimistici...

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017