Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903197 Letture totali

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
Lo Stato delle Cose al Calatrava
di Umberto Sartori - inviato il 13/02/2006 (letto 2641 volte - 7 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Lo Stato delle Cose al Calatrava
Anch'io mi consento un estro letterario che esula dai dati di fatto in mio possesso (vedi documentazione fotografica).

Ciò che in realtà sembra accadere, è che vi sono due bande:

Quella dei fautori del Calatrava, ufficalmente al potere in città, che già tante prove di inefficienza e inettitudine costruttiva ha dato, come ben mostrano le cicatrici infette che ha disseminato sul corpo monumentale di Venezia.

Quella degli oppositori del Calatrava, che agli attuali "amministratori" nichilisti ha spianato la strada con decenni di malaamministrazione nel dopoguerra.

Quello che sembra succedere, adesso che la banda dei fautori fornisce ennesima prova della propria inefficienza, è che venga soccorsa dalla seconda, in questo tragico frangente di non riuscire a posare un ponte già pagato.

Ho come la sensazione che lentamente la banda dei fautori si assottiglierà, mentre prenderà sempre maggiore consistenza la banda degli oppositori.

Risultato, avremo pagato un ponte che non avremo mai, e quel denaro sarà invece finito nelle casse dei partiti o meglio dei loro esponenti di rilievo.

Dell'una e dell'altra banda.

E il Cala Trava tiene fede alla sua promessa, ennesima "travata" a calare sulla Cosa Pubblica Veneziana e sul suo Ben Comun

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: The Rock (slumpot@yahoo.it)

dall'articolo: "Risultato, avremo pagato un ponte che non avremo mai, e quel denaro sarà invece finito nelle casse dei partiti o meglio dei loro esponenti di rilievo"
Sembra facile , ho chiesto spiegazioni in tutte le osterie di Venezia e alle sezioni della Lega Nord... come farebbero i partiti gli esponenti a sgraffignare i soldi ? spiega spiega che così smetto anch'io di lavorare !
( oppure sig. Sartory hai fatto il giro delle osterie anche tu prima di scrivere questo articolo? )
E' evidente che hai ragione per quanto riguarda il ponte ma fermati alla realtà che è già abbastanza triste ...

The Rock

Inviato il 13-02-2006 15:09
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)

Come facciano, gli uni e gli altri, te lo spiegano già doviziosamente i Fogliacci e i telegiornali quasi quotidianamente, ma non è cosa che mi riguardi. Non mi è necessario imparare a scassinare una cassaforte per capire che la si stà scassinando.
L'uso dissennato del cemento, a Venezia, per esempio, trova improvvisamente un nesso logico causale solo se si prende in esame quanto costa e quanto se ne spreca in lavori pubblici. O le varie operazioni di noleggio-acquisto di impalcature, o i permessi facili alle navi da crociera, o i falsi restauri, o, o, non ho che l'imbarazzo della scelta per vedere casse pubbliche scassinate. E a capo delle operazioni sempre il potere dei partiti.

Ora, tu puoi pensare che questi scassinino in conto terzi? Ergo, i soldini sono finiti nelle loro tasche, e il ponte ancora non c'è...

Inviato il 13-02-2006 15:57
Sito web: http://ourvenice.org
Inviato da: The Rock (slumpot@yahoo.it)

Non ho ancora capito bene il sistema ... sto' facendo i conti quanto mi costerebbe anche corrompere la guardia di finanza e chissà quante altre istituzioni e se mi convirene fare la carriera politica.

Vado in libreria a comprare un vocabolario e traduco , con il modesto diploma di terza media, quello che hai scritto e continuo a studiare, magari mi registro le "doviziose" puntate di Striscia la notizia.

Complimenti per le rubriche che restano in ogni caso un ottimo luogo di discussione tra veneziani.

The Rock

Inviato il 14-02-2006 12:33
Inviato da: FRAMAR (frati@rogers.com)

Da parecchi anni vivo all'estero, pero' sono veneziano e posseggo un appartamento a Venezia dove vengo in media tre volte all'anno.Ogni volta che arrivo mi aspetto di vedere questo famoso Calatrava finito ed in uso. Ho chieste a varie persone cosa ne pensano di questo ritardo. Nessuno mi sa dire niente di sicuro" Politica,Disegno sbagliato,le fondazioni non sono buone, il disegno fa schifo, il posto e' sbagliato, non serve a niente, non hanno piu' soldi per finirlo ecc. Chi a ragione?
Grazie

Inviato il 18-02-2006 19:45
Inviato da: Pietro Bortoluzzi

Veramente, caro Umberto, di oppositori al ponte in tutti questi lunghi anni, ad eccezione mia e di quelli del mio partito che ho controllato personalmente al momento del voto, non ce ne sono stati nè a ca'farsetti nè nelle circoscrizioni... ma neanche in regione!

dai comunisti a forza italia sono stati tutti assieme, salvo recentemente iniziare a cercare di salvarsi la faccia; o cercare di rovinarsela del tutto, come dimostrano le deliranti dichiarazioni di ieri di fronte ai conci in saldatura a marghera...

ma a guadagnarci finora fisicamente sono stati in pochi: lo studio calatrava e (ma in prospettiva) i benetton (il ponte, ricordiamolo, arriverebbe diretto dentro una loro proprietà!).

di sicuro a rimetterci sono stati i veneziani, che hanno visto sperperati milioni di euro di legge speciale in modo improprio, per motivi che ora si cercano di mascherare sotto il nome di "operad'arte"...

Inviato il 21-02-2006 07:25
Sito web: www.pietro.bortoluzzi.org
Inviato da: elbaso

Non c'e' stata nessuna opposizione al ponte perchè
semplicemente li ci sarà la nuova sede della regione .....

elbaso

Inviato il 21-02-2006 08:40
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)

Caro Piero, opporsi a un ponte, e ancor più a un ponte monumentale, non è una buona patente per presentarsi a un veneziano. Noi ponti ne abbiamo sempre costruiti, di pietra e d'idee. Amiamo i ponti, e non solo per la loro utilità ma anche e soprattutto per la loro bellezza e il loro significato simbolico. Quindi, inutile offrire a me questa idiosincrasia tipica dell'ottusità di destra.
E ciò comunque nulla toglie alla più volte verificata "migrazione". La fazione degli oppositori, volente o nolente, finirà per fornire la copertura all'eventuale fallimento ingegneristico dell'impresa.
Quanto ai guadagni, penso che ve ne siano stati di rilevanti anche nei vari commerci relativi ai materiali. Falsi guadagni, in realtà, che quando a perderne è la Cosa Pubblica, non esistono veri guadagni privati.
Grazie a nome della squadra veniceXplorer per i complimenti di The Rock alle rubriche.

Inviato il 23-02-2006 12:05
Sito web: http://ourvenice.org
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017