Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1926811 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
Canili a Venezia: Situazione Insostenibile
di Pietro Bortoluzzi - inviato il 28/03/2006 (letto 3978 volte - 7 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Canili a Venezia: Situazione Insostenibile
Purtroppo le eterne campagne elettorali che contraddistinguono la nostra vita politica rischiano di trasformare alcune tematiche in semplici sfogatoi per inutili esercizi retorici. Ed ahimè uno dei temi più vergognosamente utilizzato in questo campo è stato ed è quello relativo alle tematiche animaliste. Intanto però gli anni passano e certe situazioni cominciano veramente ad essere oltre il limite della sostenibilità e della liceità.

Su tutti sicuramente il caso più scandaloso è quello legato al canile comunale, che a Venezia (come in molti altri comuni vicini) non esiste ancora, nonostante la legislazione nazionale lo preveda come obbligo dell’amministrazione sin dal lontano 14 agosto 1991, quando venne promulgata la legge 281. Ma sui bordi della laguna amministrata da Giunte spesso politicamente colorate di verde (ma solo a parole) si è lasciato fino ad oggi passare il tempo, conducendo a trasformarsi in una inaccettabile struttura fuori norma, ridotta in condizioni estreme dalla presenza di oltre ottocento cani, l’unico canile esistente a San Giuliano, sorto su di un terreno non bonificato, che viene gestito da anni con crescenti difficoltà e su spazi troppo angusti da una associazione privata.

Intanto l’incapacità decisionale delle Giunte passate ha fatto perdere i finanziamenti per la realizzazione del canile sanitario regionale, e sulla futura e strombazzata realizzazione del nuovo canile comunale a Dese, che si dovrebbe accoppiare alla chiusura di quello privato di S.Giuliano (dovuta più che a pretesti urbanistici legati alla realizzazione del parco, piuttosto a necessità di salute pubblica, considerata la mancata bonifica del terreno sul quale insiste), si aprono continuamente luci elettorali ed ombre progettuali. Se i costi hanno fatto sbalordire anche il sindaco Cacciari, dimentico però nelle sue due precedenti esperienze amministrative di rispondere alle necessità di legge, ed incapace con le sue squadre di assessori di condurre in porto nemmeno la progettazione o la semplice indicazione della localizzazione del nuovo necessario canile, a preoccupare chi scrive sono anche i conti della serva sul numero degli animali che andrebbero ad essere ospitati: la nuova struttura di Dese, infatti, non potrà (giustamente, in quanto rispettosa degli standard) ospitare più di 300-350 cani. E degli altri cinquecento attualmente ospitati a San Giuliano e da trasferire da lì, che cosa ne faremo?

La soluzione a dir il vero ci sarebbe, e da attuarsi su due piani, diversi ma convergenti. Cominciando intanto con il progettare non un solo canile, ma almeno tre canili: uno sanitario regionale e due comunali; ma intanto rispondendo all’emergenza individuando terreni non tossico-nocivi od inquinati su cui provvisoriamente organizzare decorosi rifugi ricovero per gli animali abbandonati. Contestualmente sarà necessario investire della loro quota parte di problema anche le vicine amministrazioni comunali, che non possono scaricare la loro inefficienza e i loro cani randagi gratuitamente su Venezia, anzi ora solo sull’associazione che gestisce a 1,5 euro a cane il canile fuori norma e sovrappopolato di San Giuliano. Con un’operazione consortile fra i comuni veneziani interessati nascerebbe così il fondo per la realizzazione del secondo canile comunale, che si unirebbe a quello finanziato in toto dal comune di Venezia, che si aggiungerebbe a quello sanitario finanziabile dalla Regione.

Certo un percorso del genere prevede di cessare con inutili giochi demagogico elettoralistici sopra le teste dei volontari di buon cuore che non meritano di essere presi in giro, ma piuttosto dovrebbero essere coinvolti nella progettualità che conduca a rendere finalmente a norma la situazione canili a Venezia: restare a S.Giuliano nelle precarie condizioni attuali non ha senso; pensare all’interno del parco di San Giuliano ad una piccola zona destinata alle adozioni e collegata con le nuove strutture sarebbe già tutto un altro discorso.

Quando il Comune di Venezia vorrà finalmente fare la sua parte sarà però purtroppo sicuramente già tardi, e di certo non contribuisce ad essere ottimisti vedere non ancora riattivata la Consulta comunale per gli Animali ed ancora in alto mare la questione canile di San Giuliano e nuovi canili comunali.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)

Eppure, caro Lorenzo, la scelta dei tre colori primari a rappresentare i Re Magi non sembra scevra di una certa consapevolezza... Se poi un artista fa anche "reclame" a un colorificio, non mi pare che ce ne dovremmo aver a male... Diverso quando finge di reclamizzare un colore e invece reclamizza un partito... :-)

Inviato il 23-03-2006 12:52
Sito web: http://ourvenice.org
Inviato da: Enzo Pedrocco (e_pedrocco@yahoo.com)



Inviato il 23-03-2006 21:37
Inviato da: Enzo Pedrocco (e_pedrocco@yahoo.com)



Inviato il 24-03-2006 02:08
Inviato da: Dora

Belli a vedersi a prescindere da tutto.

Inviato il 26-03-2006 00:19
Inviato da: Ennio

A me ricordano un viaggio fantastico in India, dove non vedo l'ora di tornare.

Inviato il 26-03-2006 04:34
Inviato da: Anna (anna_falbo@yahoo.it)



Inviato il 09-12-2006 01:53
Inviato da: Bernardo

Io prego sempre per i cani randagi, i cani soli, i cani abbandonati in canili gestiti da mafiosi, amici di politici, gente malvagia. Anche di questo dovranno rendere di conto a Iddio. S. Giovanni Bosco: "Anche chi non crede all'inferno ci va".

Inviato il 06-03-2007 19:05
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018