Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1955876 Letture totali

Cose e Chiose ..:Torna indietro:..
GLI ELEFANTI DEL MADRAS A VENEZIA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 22/03/2006 (letto 2271 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
GLI ELEFANTI DEL MADRAS A VENEZIA
MESSAGGIO SIMBOLICO ALL’OCCIDENTE
O MERA INIZIATIVA PUBBLICITARIA ?


“Elefanti – viaggiando viaggiando”. E’ così denominata l’ iniziativa di “GrandiStazioni” grazie alla quale, da alcuni giorni a questa parte, tre imponenti elefanti da parata in legno teak e foglia di ottone sbalzato, datati 1794, provenienti dal Madras (India) fanno bella mostra di sè nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Santa Lucia e vi rimarranno sino al 2 maggio.

Si tratta degli stessi elefanti che, come molti ricorderanno, nel periodo di Natale del 2004 si trovavano nel sagrato della Basilica Superiore di Assisi, collocati a mo’ di Re Magi di fronte a una Natività in pietra, opera dell’artista sardo Pinuccio Sciola. In quell’occasione, per bocca di un ampolloso e misticheggiante addetto stampa del Sacro Convento di San Francesco di Assisi, gli ignari e perplessi visitatori venivano regolarmente informati intorno al fine del viaggio degli elefanti dal Madras, che segnerebbe “un cammino simbolico attraverso il nostro Occidente smarrito”, e intorno a ciò che rappresenterebbero:”lo Spirito di Sacrificio, l’onestà e l’amore fedele”. Ma se, in quel particolare contesto e in quella particolare circostanza, sostenere ciò a proposito di essi poteva avere, se vogliamo, una sua legittimità e credibilità, dubito fortemente che lo stesso possa valere per Venezia. Dove, non solo a me, gli elefanti sono apparsi immediatamente come una mera operazione pubblicitaria, volta a pubblicizzare soprattutto, oltre che la celebre località indiana da cui provengono, la ditta fornitrice degli smalti sintetici con cui sono state dipinte le piramidi in legno e a base ottagonale poste in groppa a essi.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)



Inviato il 26-03-2006 22:28
Sito web: http://ourvenice.org
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018