Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883326 Letture totali

Cose e Chiose ..:Torna indietro:..
GLI ELEFANTI DEL MADRAS A VENEZIA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 22/03/2006 (letto 2184 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
GLI ELEFANTI DEL MADRAS A VENEZIA
MESSAGGIO SIMBOLICO ALL’OCCIDENTE
O MERA INIZIATIVA PUBBLICITARIA ?


“Elefanti – viaggiando viaggiando”. E’ così denominata l’ iniziativa di “GrandiStazioni” grazie alla quale, da alcuni giorni a questa parte, tre imponenti elefanti da parata in legno teak e foglia di ottone sbalzato, datati 1794, provenienti dal Madras (India) fanno bella mostra di sè nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Santa Lucia e vi rimarranno sino al 2 maggio.

Si tratta degli stessi elefanti che, come molti ricorderanno, nel periodo di Natale del 2004 si trovavano nel sagrato della Basilica Superiore di Assisi, collocati a mo’ di Re Magi di fronte a una Natività in pietra, opera dell’artista sardo Pinuccio Sciola. In quell’occasione, per bocca di un ampolloso e misticheggiante addetto stampa del Sacro Convento di San Francesco di Assisi, gli ignari e perplessi visitatori venivano regolarmente informati intorno al fine del viaggio degli elefanti dal Madras, che segnerebbe “un cammino simbolico attraverso il nostro Occidente smarrito”, e intorno a ciò che rappresenterebbero:”lo Spirito di Sacrificio, l’onestà e l’amore fedele”. Ma se, in quel particolare contesto e in quella particolare circostanza, sostenere ciò a proposito di essi poteva avere, se vogliamo, una sua legittimità e credibilità, dubito fortemente che lo stesso possa valere per Venezia. Dove, non solo a me, gli elefanti sono apparsi immediatamente come una mera operazione pubblicitaria, volta a pubblicizzare soprattutto, oltre che la celebre località indiana da cui provengono, la ditta fornitrice degli smalti sintetici con cui sono state dipinte le piramidi in legno e a base ottagonale poste in groppa a essi.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)



Inviato il 26-03-2006 22:28
Sito web: http://ourvenice.org
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017