Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903167 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
I Poteri Forti Badano al Proprio Orticello in Città, Mentre i Veneziani Muoiono
di pietro alvise gaggio - inviato il 11/06/2006 (letto 3015 volte - 3 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
I Poteri Forti Badano al Proprio Orticello in Città, Mentre i Veneziani Muoiono
Ormai penso, anche se fatico ad ammetere questa realtà, che noi veneziani siamo arrivati al famoso punto critico di “non ritorno”: gli ultimi dati statistici riportati recentemente da alcuni quotidiani fanno tremare i polsi a chiunque li abbia letti (chi invece, pare non si preoccupi eccessivamente, è la nostra solerte Amministrazione).
Causa primaria dell’espulsione di noi veneziani e delle attività economiche di servizio, è la continua ascesa del costo del mattone, alimentato dalla massiccia richiesta di alloggi da destinare ad uso abitativo transitorio (e, aggiungo io, speculativo, con facili guadagni esentasse) per il grande mercato turistico veneziano in continua espansione:dependance alberghiere, bed & breakfast, alloggi, pensioni, affittacamere ecc..
Non da meno la residenzialità universitaria (studenti e operatori del settore) le cui ovvie richieste sono state scaricate sul mercato immobiliare privato anziché prevedere la costruzione di “campus” residenziali pubblici.
Anche il potere religioso sta contribuendo di suo al cativo andamento delle cose nel mare della propria notevole eredità immobiliare; leggiamo delle continue tensioni economiche nei rapporti con i propri inquilini in Città.

Non bastasse leggo con amarezza recentemente di certi orientamenti, trasformazioni, impostazioni, privilegi da parte di alcuni “Poteri Forti” in Città che, come unico fine, fanno pensare alla decisa volontà di insediare nella bella e attraente Venezia, il loro “orticello”. Caso emblematico quello della Marina Italiana.
Chiedo ai veneziani, quale scopo o piano tecnico strategico militare può ancora rappresentare il Centro storico di Venezia per giustificare la necessità di continuare ad occupare aree notevoli: non solo l’Arsenale, ma anche adiacenti, come la caserma (si fa per dire) “Cornoldi” (ex Monastero del Santo Sepolcro in Riva degli Schiavoni con vista a 360° del Bacino S. Marco), gli ex forni militari della Repubblica, nonché altri edifici limitrofi, tutti perfettamente restaurati con foresterie, circoli, sale convegni e pernottamenti in Città. Altri insediamenti di proprietà militare si possono incontrare in area idroscalo - Forte Sant’Andrea.
La mia domanda non finisce qui: prendiamo in esame il previsto progetto di ristrutturazione da 30 milioni di euro per l’isola di San Giorgio con la benedizione dei Benedettini che comprende: l’hotel per cervelloni nella nuova “Cini”; foresteria al posto delle ex officine dei Salesiani; una biblioteca nella Manica lunga; un centro espositivo e di ricerca negli spazi dell’ex convitto; bar ristorante con vista bacino, trasformazione della vecchia piscina in centro polivalente per sport e spettacoli, tutto ciò senza considerare il teatro e forse anche la creazione di un Labirinto di Borges.
Intanto però il Centro Nautico Veneziano è stato espulso dall’isola, come noi veneziani da Venezia!
Segnalo anche, che qualora il residente veneziano, “pretendesse” di visitare l’isola, dovrebbe obbligatoriamente prenotarsi per la visita guidata al pari di qualsivoglia turista.
E pensare che quest’isola antichissima, originariamente proprietà della famiglia Memmo, fu donata nel 982 d.C. dall’allora Doge Tribuno Memmo ai Monaci Benedettini in perpetuo (sottolineo in perpetuo).
Vorrei allora, ci spiegassero come si è arrivati a tutto ciò!
Anche la Guardia di Finanza non è da meno con il suo splendido appezzamento alla Giudecca (vista mozzafiato del bacino San Marco).
Pensiamo al notevole risparmio che lo Stato (siamo noi) potrebbe ottenere se ad esempio, l’Arma fosse agli Alberoni. Idem come sopra, la Capitaneria di Porto che, oltre ad altre sedi, occupa l’immobile dell’ex “Magistrato de la Farina” (costruzione Lombardesca fine XV sec.) fronte la stupenda vista dell’ex Dogana da Mar e isola di San Giorgio e così via.
Ormai, cari e pochi ultimi veneziani, dobbiamo amaramente convincerci tutti che in realtà, siamo solo una presenza ingombrante che va eliminata! Questa è l’unica triste e vera tangibile realtà! Evviva il “Potere Forte”, ed evviva anche “questo Turismo di massa”, aggiungo io!

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)

Vedi, caro Pietro Alvise, noi Veneziani siamo un Popolo che ha sempre posto molta attenzione al valore della parola, comunque la si voglia intendere, Verbo, lemma, simbolo, pegno di fiducia. L'uso proprio della parola è quello sì, un potere. Sbagli a mio modo di vedere quando, sia pur (forse) ironicamente, insignisci del titolo di "potere forte", questa accozzaglia di delinquenti e di ignavi che non ha ormai nemmeno più il potere di salvare sé stessa, che tracolla e cigola sotto il peso delle proprie contraddizioni e della corruzione.

Quelli che tu chiami "poteri forti" non sono nemmeno più poteri, ma semplice esercizio animale dell'"homo homini lupus".

Noi dobbiamo risvegliare il vero forte potere del Leone, che ponga fine all'anarchia sanguinaria dei lupi.E smetterla di pensare che i cani arrabbiati siano invincibili.

Inviato il 17-06-2006 12:02
Sito web: http://ourvenice.org
Inviato da: Flavio Vinci

trovare nuove vie per la vita di Venezia ed i veneziani mi pare lodevole.
sul mio blog scrivo cose da non veneziano, anche molto distanti dalla sue, ma mi pare giusto segnalarle anche altri modi di pensare.
buone cose, Flavio Vinci

Inviato il 25-08-2006 16:07
Sito web: http://flaviov.blog.kataweb.it/
Inviato da: Luciano Callegaro (comitato17settembre@yahoo.it)

Questa amministrazione ha approvato l'anno scorso la variante al PRG della terraferma. Tra nuovi insediamenti (pubblici e privati) e l'aumento della volumetria delle vecchie villette in condomini ci ritroveremo una colata di cemento di circa 4.000.000 di metricubi per un totale di 27.000 abitanti, sulla carta, (che poi a conti fatti saranno 40.000). Abitazioni per 40.000 veneziani che per i motivi esposti da Pietro Alvise Gaggio in questo articolo saranno costretti a traslocare in terraferma se non a Marcon, a Gaggio, Scorzè, Martellago, ecc. Tra le altre cose per realizzare la variante al PRG verranno impermeabilizzati 7/8 chilometri quadrati di territtorio. Per cui, con la rete fognaria sotteranea e con la rete idrica di superficie che ci ritroviamo, ogni acquazzone anche di modeste entità si trasformerà in un 17 settembre 2006 (data in cui le fognature comunali hanno rigurgitato per ben due volte su quasi mezza terraferma un liquame maleodorante frammisto ad acqua piovana). Chi di dovere, dal canto suo, si è guardato bene dal ripulire il giorno dopo le stade infestate dalla m.... - 10, 100, 1000 comitati spontanei per fermare l'esodo dei veneziani. I barbari ci hanno cacciato dalla campagna e siamo approdati sulle isole della laguna che abbiamo trasformato in un gioiello, adesso i nuovi barbari ci ricacciano nella campagna da dove siamo partiti impadronendosi della nostra città. I nostri sette Leoni hanno chiuso il libro ed hanno sguainato la spada.

Inviato il 03-02-2007 23:23
Sito web: www.mestreallagata.altervista.org
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017