Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1926588 Letture totali

Cose e Chiose ..:Torna indietro:..
VENEZIA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 16/08/2006 (letto 2400 volte - 3 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
VENEZIA
BELLA MA SCOMODA
E ASSAI POCO ACCOGLIENTE


Ritengo non vi sia persona che, dopo aver visitato Venezia, esiti a collocarla senz’altro tra le più belle città al mondo ma anche, una volta scemato o messo da parte l’entusiasmo per le bellezze ammirate, tra quelle più scomode e faticose da visitare.

Ciò è dovuto anzitutto al fatto che a Venezia, com’è noto, si è costretti a muoversi per lo più a piedi – contrariamente a quanto avviene in genere nelle altre città. Quando dopo aver camminato a lungo – magari con un caldo torrido – ci si vorrebbe riposare un pochino per riprendere fiato, non si può proprio dire che Venezia offra molta scelta al riguardo: la città è pressochè priva di panchine e di qualsiasi altro comfort urbano pubblico – quantomeno nei luoghi maggiormente frequentati dai turisti. Essa, infatti, offre a quegli ospiti che non siano dell’avviso di farsi salassare da qualche bar – solo gli scomodi gradini dei ponti, delle chiese, dei pozzi, della stazione ferroviaria, del campanile di San Marco etc. In alternativa a questi, gli ancor più scomodi masegni della pavimentazione...

In relazione a questo problema, s’ impone una riflessione che gli amministratori veneziani, a mio modesto modo di vedere, avrebbero già dovuto fare da tempo. Fermo restando il rispetto del suo ambiente monumentale e artistico, non sarebbe forse giunta l’ora, per Venezia, di gettare definitivamente alle ortiche l’idea tradizionale e vetusta di Venezia-città contemplata, per far posto all’idea, meno asfittica e più in sintonia con i tempi in cui viviamo, di Venezia-città vissuta? Luogo cioè, in cui si svolge la vita reale della gente di oggigiorno, turisti compresi?

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)



Inviato il 17-08-2006 08:49
Sito web: http://ourvenice.org
Inviato da: Enzo Pedrocco (e_pedrocco@yahoo.com)



Inviato il 17-08-2006 22:19
Inviato da: ENZO PEDROCCO (e_pedrocco@yahoo.com)



Inviato il 26-08-2006 19:53
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018