Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883335 Letture totali

Cose e Chiose ..:Torna indietro:..
VENEZIA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 16/08/2006 (letto 2339 volte - 3 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
VENEZIA
BELLA MA SCOMODA
E ASSAI POCO ACCOGLIENTE


Ritengo non vi sia persona che, dopo aver visitato Venezia, esiti a collocarla senz’altro tra le più belle città al mondo ma anche, una volta scemato o messo da parte l’entusiasmo per le bellezze ammirate, tra quelle più scomode e faticose da visitare.

Ciò è dovuto anzitutto al fatto che a Venezia, com’è noto, si è costretti a muoversi per lo più a piedi – contrariamente a quanto avviene in genere nelle altre città. Quando dopo aver camminato a lungo – magari con un caldo torrido – ci si vorrebbe riposare un pochino per riprendere fiato, non si può proprio dire che Venezia offra molta scelta al riguardo: la città è pressochè priva di panchine e di qualsiasi altro comfort urbano pubblico – quantomeno nei luoghi maggiormente frequentati dai turisti. Essa, infatti, offre a quegli ospiti che non siano dell’avviso di farsi salassare da qualche bar – solo gli scomodi gradini dei ponti, delle chiese, dei pozzi, della stazione ferroviaria, del campanile di San Marco etc. In alternativa a questi, gli ancor più scomodi masegni della pavimentazione...

In relazione a questo problema, s’ impone una riflessione che gli amministratori veneziani, a mio modesto modo di vedere, avrebbero già dovuto fare da tempo. Fermo restando il rispetto del suo ambiente monumentale e artistico, non sarebbe forse giunta l’ora, per Venezia, di gettare definitivamente alle ortiche l’idea tradizionale e vetusta di Venezia-città contemplata, per far posto all’idea, meno asfittica e più in sintonia con i tempi in cui viviamo, di Venezia-città vissuta? Luogo cioè, in cui si svolge la vita reale della gente di oggigiorno, turisti compresi?

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)



Inviato il 17-08-2006 08:49
Sito web: http://ourvenice.org
Inviato da: Enzo Pedrocco (e_pedrocco@yahoo.com)



Inviato il 17-08-2006 22:19
Inviato da: ENZO PEDROCCO (e_pedrocco@yahoo.com)



Inviato il 26-08-2006 19:53
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017