Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1926214 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
FUSINA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 02/09/2006 (letto 3182 volte - 2 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
FUSINA
La zona industriale di Fusina, alcuni giorni addietro, vista da bordo di un mezzo della linea 52 in navigazione lungo il Canale della Giudecca. A spingermi a fotografare l’enorme nuvola di fumo che sovrastava alcuni stabilimenti è stato il pensiero che potesse trattarsi di un evento straordinario: di un incendio oppure – com’ è già accaduto in passato – di una perdita di gas nell’atmosfera. Ma alcuni passeggeri che mi erano accanto – soliti a servirsi quotidianamente della linea 52 - mi hanno fatto ricredere, assicurandomi che si tratta di uno “spettacolo”, purtroppo, di tutti i giorni.

Al che il mio pensiero non ha potuto non andare malinconicamente a quei “disgraziati” operai, tecnici etc. che tale spettacolo se lo debbono quotidianamente “godere”, loro malgrado, da molto più vicino – se non dal bel mezzo di esso – con le conseguenze che sono facilmente immaginabili.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)



Inviato il 02-09-2006 05:49
Inviato da: Mau San



Inviato il 02-09-2006 08:34
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018