Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903533 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
Odore di Venezia - Riflessioni di un eterno innamorato di Venezia
di Enzo Cucciniello - inviato il 25/02/2001 (letto 2454 volte - 3 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
ODORE DI VENEZIA

L’esperienza costruttiva veneziana ha elaborato nei secoli della sua storia modelli fantastici ma,
nello stesso tempo pratici, del fare architettura in un particolare contesto ambientale da madre
natura dotato di bellezza e di incanto, qual è la Laguna con le sue acque libere e le sue barene
vive di ogni forma di vita.
Questa acqua e, più in particolare, l’acqua verde, salata proveniente dal mare, disinquinante in
quanto libera di andare e venire, è stata la componente base a cui riferirsi nella scelta dei
materiali da costruzione.
Le fondazioni, su semplici pali di legno resinoso, gli sbarramenti all’acqua in pietra d’Istria, le
murature di ambito perimetrale “appoggiate” alla facciata principale, i solai in legno e le
pavimentazioni a terrazzo “alla venexiana”, le stesse capriate di copertura, i coppi e i camini,
ciascun elemento della fabbrica concorre per la sua parte in modo organico ed intelligente
all’efficacia statica che si mostra modello irripetibile per i tipi edilizi destinati all’abitare,
all’amministrare, al difendere l’identità della cultura di Venezia.
I materiali da costruzione veneziana, in comunione con l’acqua, si mostrano da oggetti inerti in
soggetti attivi, capaci di arricchire funzionalmente il lessico tecnico e costruttivo, ma anche di
svolgere opera culturale e, cioè, insegnano il valore della ricchezza ambientale: la pietra
d’Istria, nobile nel suo pallore, esalta con la decorazione ; il legno, collabora ed articola le
diverse soluzioni statiche, l’intonaco di calce spenta e sabbia di fiume protegge e colora, il
mattone, fatto a mano, consente di scegliere far i più variati il tipo edilizio preferito.
L’immagine che siamo abituati a leggere lungo i canali di Venezia, è derivata da quel sapiente,
antico lavoro artigianale di “mureri”, “tajapiera”,”scarpeini”, “fravi”, “faegnami”, “tarasseri”,
tutte figure professionali che sottendono ad una complessa organizzazione sociale del lavoro e,
perciò, del cantiere veneziano: il più piccolo dettaglio costruttivo è strumento di conoscenza di
quella Cultura Materiale che è modello da studiare, che è occasione e supporto per riordinare il
senso del significato del momento progettuale volto al recupero dei valori del passato intendendo
questi non congelati nel restauro, ma proiettati verso il superamento del presente.
Venezia, anche per questi motivi, è la città dove vivere, dove amare, dove lavorare, dove oziare!
E’ certamente la città del Futuro, in quanto, a poco a poco, tutti i Centri Storici, dal più
importante al più piccolo, e non solo in Italia, dovranno eliminare la presenza delle macchine
sempre di più invasive e deturpanti la vita dell’uomo.
Chi visita Venezia non può che partirsene con negli occhi una sequenza di scene sfavillanti di
colori di quinte quasi teatrali, di particolare suggestione emotiva, con l’acqua che si alza e si
abbassa abbracciata attorno ad ogni costruzione, elemento primario, perché Venezia è
soprattutto “città d’acqua”: pietre e mattoni sono solo dei comprimari!
Ma c’è un altro componente, invisibile, che deve essere particolarmente considerato e cioè l’odore,
il profumo particolare di Venezia!
Se qualcuno vagasse bendato o si fosse smarrito all’interno della città, certamente potrebbe
riconoscere i luoghi dagli odori: nella zona della Pescheria e del Mercato Ortofrutticolo, l’odore
gli direbbe che è a Rialto, giù dal ponte verso Campo San Polo; in Strada Nova caratteristico è
l’odore delle mercanzie sui banchetti; nell’area Marciana domina l’odore dei caffè e dei
pasticcini, mescolato a quello dell’incenso, che emana la Chiesa di Marco, Santo Protettore della
città , sulle rive verso San Giorgio è predominante l’odore salmastro della Laguna frammisto a
quello della sabbia calda delle spiagge del Lido lungo il Canal Grande, magari in gondola,
abbracciati e da lei contagiati , è l’odore della vita che arriva da tante costruzioni affacciate
sull’acqua ...
Odore di Venezia, quindi, Protagonista nascosto ma certamente provocante rimane nella memoria
allorquando si ritorna ciascuno nella propria casa, lontano da Venezia.
Allora, il rimpianto e la nostalgia diventano ancora più pregnanti, ancora più difficili da
cancellare e si ha voglia di ritornare per amarla ancora una volta!

Prof. Enzo Cucciniello
Responsabile del Corso di Progettazione Ambientale ed Ergonomica (IUAV)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Yuki

Ma hai mai vissuto a Venezia?
Si sarà anche bella, e tutto quello che hai detto te, ma guardiamo anche gli altri lati di Venezia, è una città scomoda e sporca.... Venezia da visitare ok ma da viverci non lo consiglio a nessuno...

Inviato il 08-08-2007 11:28
Inviato da: lorenza

ah.!..certo! ti ho gia' inquadrato yuki-scommetto che hai fatto l'universita' qui e dopo ti sei stufato del gioco oppure allo stesso modo sei venuto qui facendo l'artista o l'intellettuale e venezia non era quella dipinta nei film o nella propaganda turistica-se tu fossi un veneziano(ed e' vero che la citta' fa' schifo)arriveresti alla conclusione che la citta' non va bene solo per essere visitata ma va' salvata!

Inviato il 08-08-2007 15:09
Inviato da: Mau San

Può anche darsi che, faccia parte di quella schiera che sfruttano e spremono la città. Tanto, fino a che si può,
vero ? Yuki, dimentica Venezia, molte persone te ne
saranno grate.

Inviato il 08-08-2007 18:02
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017