Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903549 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
E l`antico fu novo e il novo antico - Dal 6 aprile al 29 giugno la mostra di Giuseppe Torres
di Lorena Manesso - IUAV - inviato il 04/04/2001 (letto 2461 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 

La mostra è dedicata a Giuseppe Torres una delle figure più rappresentative dell'architettura
veneziana e veneta tra Otto e Novecento, interprete - in chiave veneto bizantina - di quella
transizione tra storicismo e liberty che segna il passaggio al nuovo secolo.
La mostra conclude un lungo lavoro di ordinamento e inventariazione dell'archivio dell'architetto
veneziano presentando alcune delle sue opere più significative. Disegni, acquerelli, tavole di
concorso, saranno esposti insieme a fotografie, gessi e oggetti di arredo e artistici realizzati
sulla base dei suoi disegni.
Nato a Venezia il 4 novembre 1872, Giuseppe Torres studia presso la Regia Accademia di Belle Arti,
diplomandosi nel 1893. Dopo un periodo di apprendistato a Fiume inizia la propria attività a
Venezia. Nei primi anni il suo interesse è rivolto soprattutto allo studio dell'architettura
medioevale e prende forma nella proposta di restauro del chiostro dell'Abbazia di Follina (sulla
quale pubblica anche uno studio monografico) e della chiesa di Sesto al Reghena.
Il frutto più noto di questa sua fase revivalistica, che dà il titolo alla mostra, è la casa che
Torres costruisce nel 1905 sul rio del Gaffaro, in stile bizantino. Un proficuo rapporto con
Gaetano Marzotto e col di lui cognato Gerolamo Dalle Ore dà luogo a una nutrita serie d'incarichi
professionali sia a Valdagno che nei diversi possedimenti della famiglia Marzotto.
Nel 1908 la rivista l'Architettura Italiana dedica a Torres l'intero numero di settembre,
presentandone diverse opere.
Al terremoto di Messina (28 dicembre 1908) fanno seguito studi e progetti per edifici antisismici a
pianta circolare e la partecipazione, assieme al fratello Duilio, col quale condivide una parte
dell'attività professionale, ai concorsi banditi per la ricostruzione della città.
Le nuove aree di espansione della città di Venezia, S.Elena e il Lido, vedono Torres molto attivo:
con Faust Finzi e Giulio Alessandri presenta al Comune di Venezia un progetto per l'urbanizzazione
di S.Elena (1910) e nello stesso anno partecipa al concorso per la città giardino alle Quattro
Fontane al Lido. Al Lido realizza inoltre villa Predelli (1913) e l'anno successivo partecipa,
vincendolo, al concorso bandito dalla Ciga per la realizzazione di cento ville nei terreni di
proprietà della società.
In questi anni il neomedievalismo è ormai messo in secondo piano da un'attenzione sempre più
marcata per il decorativismo dello stile liberty.
Importante è, anche, l'attività di Torres nella progettazione di oggetti, arredi civili e sacri,
gioielli, decorazioni.
Dopo la prima guerra mondiale si fa preponderante l'interesse per l'architettura sacra: dalla sua
fondazione, nel 1920, Torres fa parte dell'Opera di soccorso per la ricostruzione delle chiese
danneggiate e distrutte dalla guerra. In questi anni ottiene incarichi per la decorazione del
Rosario a Bagnara Calabra, per la ricostruzione della chiesa di Sigliano e il restauro di quella di
Baldignano (Arezzo), per la facciata votiva del Santuario della Navicella a Chioggia (non
realizzata), per la ricostruzione e ampliamento della chiesa di S.Donà di Piave.
Nel 1920 Torres accetta anche l'incarico di corrispondente della nascente Rivista di Architettura e
Arti decorative, diretta da Gustavo Giovannoni. Dal 1926 fino al 1933 è titolare delle cattedre di
Architettura Sacra e di Restauro dei Monumenti alla Scuola d'Architettura di Venezia.
Nell'ultima parte della carriera si dedica principalmente alla progettazione del tempio Votivo del
Lido, intrapresa nel 1918 e lasciata incompiuta alla morte, e alla partecipazione ai grandi
concorsi nazionali di architettura, da quello per la stazione di Firenze a quello per il palazzo
Littorio in via dell'Impero a Roma.
Muore il 20 dicembre 1935.
Presentazione mostra di Lorena Manesso
Servizio Comunicazione e Promozione
IUAV
La mostra è presso l'Archivio Progetti, ex Cotonificio veneziano di S.Marta, dorsoduro 2196
Venezia, dal 6 aprile al 29 giugno 2001.
Curatori: Guido Zucconi e Riccardo Domenichini
Promotore: IUAV, Archivio Progetti
Apertura: lunedì-venerdì dalle ore 10.00 alle ore 17.00

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017