Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903536 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
Venezia Suona - 3.500 artisti e 250 concerti in una domenica diversa
di Alessandro Ragazzo - inviato il 22/05/2001 (letto 2035 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Perdersi per calli e campielli cullati da un fluire di sonorità diverse, imbattendosi di volta in
volta nelle esibizioni musicali di artisti e gruppi fino a tarda notte. E’ quanto accadrà domenica
24 giugno, nella terza edizione di “Venezia Suona”, con la città invasa da oltre 3500 musicisti, la
maggior parte professionisti, che daranno vita a 250 concerti disseminati nell'innato palcoscenico
dei campi della città storica. Dalla musica classica al jazz, dalla musica hip hop, alla tradizione
veneziana, nessun genere escluso se si eccettua l'Heavy Metal. Le performance saranno infatti
preferibilmente in chiave acustica per ridurre al minimo l’inquinamento sonoro. Una ricca e
godibile offerta di generi musicali insomma che consente a tutti non solo di assistere in maniera
itinerante ma anche l'anarchica spontanea partecipazione di chiunque abbia voglia di far musica.
Il culmine della serata si avrà alle 22.15, quando l’ideatore della manifestazione Giannantonio De
Vincenzo, concluderà la giornata con il “Gioco della musica” della durata di sette minuti. In
Piazza San Marco e in altri sette campi veneziani (S. Geremia, S. Giacomo dell’Orio, S. Polo, S.
Angelo, S. Stefano, la Salute e S. Agnese) ogni nota, segnalata anche quest’anno da raggi di luce
colorati, dovrà essere suonata sino all’indicazione successiva suggerita da un altro colore.
Il “Gioco della musica” è molto semplice, studiato apposta per consentire l’esecuzione a tutti gli
artisti on the road. Tutte le persone che il quel momento si troveranno a Venezia, potranno
partecipare al Gioco, con il solo utilizzo della propria voce o con l’aiuto di un qualsiasi
strumento musicale.
“L’idea è partita otto anni fa - spiega Giannantonio De Vincenzo - io abito vicino al Ghetto e un
giorno passeggiavo alle tre del mattino in quel campo. Mi sono fermato, e tutto ad un tratto mi
sono reso conto dell'incredibile silenzio che regna a Venezia, l'unica città al mondo priva di
inquinamento acustico veicolare. Il tutto era sottolineato da una fontana, che a quell’ora
risuonava come le cascate del Niagara. Una situazione che mi ha spinto ad immaginare dei gruppi che
suonavano ogni duecento metri in questa straordinaria ed unica città, che ti permette di ascoltare
i passi quando cammini“.
L’iniziativa sarà seguita anche quest’anno da Radio UNO Rai con collegamenti e interviste in
diretta da vari punti della città.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017