Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883134 Letture totali

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
Anche le colonnine di rio del Gaffaro - Quando cacceremo gli imbecilli dal governo di questa città?
di Umberto Sartori - inviato il 14/03/2002 (letto 2125 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Chi si trovi a passare per la fondamenta del Gaffaro, in questi giorni può osservare la totale asportazione di tutte le colonnine in pietra d'Istria, assieme a tutto il bordo della fondamenta stessa e di quella Minotto dirimpetto.

Al posto loro, si presume in via provvisoria, è stato gettato uno zoccolo di betonata.
A prescindere dall'assai discutibile utilità e opportunità di tale zoccolo, che ha richiesto lo spreco di numerosi quintali di calcestruzzo, è impossibile per me nascondere la preoccupazione per la sorte delle circa 150 colonnine e degli oltre 200 metri di perimetro in pietra originale d'Istria.Impossibile non preoccuparsi dopo aver visto il saccheggio perpetrato nel rio dei Saloni, quello di rio delle Romite e quello, adiacente al nuovo inquietante cantiere, di rio dei Tolentini.
Come potete verificare attraverso la documentazione raccolta su quei siti, esistono serie possibilità che gran parte delle colonnine originali vengano sottratte e sostituite con copie in pietra vile, sommando, al danno della perdita degli originali, la beffa di dover pagare con sonante denaro pubblico le nuove copie scadenti e pessimamente messe in opera, come siamo ormai abituati a vedere in città.
Per dirne una, i nuovi ''posatori'' hanno sostituito le piombature dei punti metallici usati per legare le pietre tra loro nonché quelle necessarie per raccordare gli elementi lapidei del parapetto alle ringhiere di metallo, con riempimenti di stucco epossidico che, oltre ad apparire deturpante sul candore della pietra con la sua pigmentazione giallastra, è materiale troppo rigido per assolvere il compito di giunzione elastica tra materiali così diversi come pietra e acciaio.
Il risultato, ovunque si sia applicata questa ''nuova tecnica'', è la fratturazione dell'alveo e a volte dell'intera testa della colonnina, sotto effetto sia delle normali sollecitazioni a cui è soggetta una ringhiera, sia del diverso coefficiente di dilatazione termica tra metallo e pietra.
Questo è un palese e grave difetto d'opera, ciononostante i cantieri pubblici continuano a praticarlo da anni, inducendo il dubbio, nell'osservatore imparziale, che tali lavori siano diretti e controllati da perfetti imbecilli o che gli addetti e incaricati trovino un loro non proprio imperscrutabile tornaconto in tale dissennato comportamento.
La convinzione che mi sono andato formando, in questi anni di militanza in difesa di Venezia e dell'intelligenza pubblica, è che siamo infine di fronte a una sinergia negativa tra idiozia e disonestà che genera diffuso malcostume nell'amministrazione cittadina.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017