Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883293 Letture totali

Cose e Chiose ..:Torna indietro:..
ARREDO URBANO
di ENZO PEDROCCO - inviato il 25/10/2006 (letto 2378 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
ARREDO URBANO
Anche chi non vi è stato sa che a Londra le cabine telefoniche sono diverse da quelle di qualsiasi altra città e che ciò è dovuto all’esigenza, che ogni città che si rispetti non può non porsi, di conservare quanto più possibile la propria specificità, a dispetto dell’incalzare della “modernità”, evitando di inserire nel proprio tessuto cittadino elementi che possano rivelarsi incompatibili o stridenti con l’insieme. A Venezia, inspiegabilmente e paradossalmente, tutto ciò non avviene.


DALLE SOLUZIONI ESTEMPORANEE E CONTINGENTI
ALLA RICERCA E PROGETTUALITA’ IN UN QUADRO D’ INSIEME
UNITARIO E COERENTE


L’ arredo urbano veneziano, lungi dall’essere, quale a rigore dovrebbe essere, il complemento logico e coerente di un supposto e ben definito disegno urbanistico e architettonico di Venezia, è piuttosto un coacervo indecoroso di elementi eterogenei e contrastanti fra di loro, derivante dagli innumerevoli inserimenti attuati nel corso degli anni senza troppo sottilizzare sulla loro effettiva compatibilità e coerenza con l’ insieme - limitandosi semplicemente a tener conto, in genere, soprattutto della loro utilità pratica - complici delle norme disciplinanti la materia affatto inadeguate, che andavano e andrebbero assolutamente riviste.

Le cabine e le colonnine telefoniche, i cassonetti e i contenitori per i rifiuti, i pontili dell’A.C.T.V., i semafori, le nuove edicole, la segnaletica direzionale – per non citare che alcuni degli inserimenti summenzionati – sono tutte cose delle quali sarebbe sciocco negare l’utilità, ma in ognuna di esse, pur sforzandoci, stenteremmo a rilevare il benchè minimo sforzo di armonizzazione con lo specifico contesto veneziano.

E lo stesso dicasi, ahinoi, per quella miriade di inserimenti dovuti per lo più al privato cittadino, oltremodo variegati nella loro tipologia e capillarmente estesi un po’ in tutta la città, quali, fra gli altri, le insegne dei locali pubblici, le targhe e i campanelli delle abitazioni private, gli arredi dei plateatici etc. Al di là della loro utilità pratica, anche in tali inserimenti, infatti, risulterebbe piuttosto vano – nonostante tutta la nostra buona volontà - tentare di scorgervi un qualsivoglia tentativo di armonizzazione con il contesto in cui sono inseriti.

Perché, alla stregua di quanto hanno già fatto da tempo parecchie città europee, anche Venezia non provvede a dotarsi di un settore progettuale e di ricerca a cui demandare il compito di ripensare criticamente – possibilmente in un quadro d’insieme, unitario e coerente – non solo l’arredo urbano, ma anche i suoi spazi pubblici e le proprie attrezzature, al fine di migliorare la sua qualità di vita e, soprattutto, di ritrovare il decoro e la coerenza dell’insieme di stagioni migliori?

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017