Venezia ObServer

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
Venezia batte cassa a Roma: "Ci servono 50 milioni di €"
di Donatello De Marco - inviato il 24/09/2007
Venezia batte cassa a Roma: "Ci servono 50 milioni di €"

Venezia chiede soldi al governo per la città. Da quello che apprendiamo dai vari organi di informazione veneziana, il sindaco di Venezia ha incontrato a Roma(12 Settembre ndr) vari rappresentanti del governo, per ricordare agli uomini dell'esecutivo le necessità lagunari riguardanti il completamento della rete antincendio del centro storico, il sistema di allertamento contro il rischio chimico di porto Marghera, ma sopratutto la manutenzione e la salvaguardia della città, dove attualmenti i cantieri sono a rischio chiusura. Nel 2008 sono stati riservati nella Legge Speciale per Venezia già 5 milioni di €, ma questi sembrerebbero bastare appena ad una piccola parte per i lavori di Insula. Venezia ha chiesto quindi all'esecutivo, di inserire nella prossima finanziaria alla voce "Venezia", la somma di 50 milioni di € cosi da ripartire: 35 milioni di € per per la manutenzione urbana della città, ma sopratutto per non fermare i cantieri di Insula; 5 milioni di € per la realizzazione del terzo stralcio della rete antincendio nel centro Storico; un'altro milione e mezzo per completare il sistema di allertamento di Porto Marghera; gli ultimi otto milioni e mezzo per le altre voci in capitoli, quali le nuove assunzione di vigili urbani ed il potenziamento dei servizi comunali.
Tutto questo sarebbe comunque solo una piccola richiesta ed una goccia nel mare rispetto al finanaziamento che servirebbe realmente alla città lagunare e al suo intero territorio. Infatti, per rimettere mano a tutti i progetti di restauro e di manutenzione della città da troppo tempo accantonati, come le ristrutturazioni di tutti i ponti, rive e rii, i contributi ai privati riguardanti l'edilizia interna ed esterna delle abitazioni e quella scolastica, e la costruzione di nuovi impianti sportivi, sarebbero necessari attualmente circa 444 milioni di € dalla Legge Speciale. Ma ad oggi, come prendiamo visione sempre dai mass-media cittadini, di milioni a disposizione c'è ne sarebbero solamente 77, ripartiti in 25 milioni di € stanziati dallo stato nel 2007, 45 milioni recuperati dal Comune di Venezia, e 7 milioni riguardanti nuove risorse.
Da una prima analisi, non possiamo negare che Venezia costi un pò troppo alla collettività, e che tutti questi milioni di € potrebbero sembrarci normali per una città unica al mondo e con le caratteristiche territoriali di Venezia, che comprendono un centro storico, un'enorme laguna, ed una vasta area di terraferma. Ma se non ci fermiano nella superficialità, ed esaminiamo le cifre e le varie voci per le quali queste vengono richieste, un paio di domande vanno comunque fatte per capire realmente se Venezia, ogni anno, necessita di così tanti milioni solo per continuare ad esistere e per tenersi così com'è. Soldi che arrivano non solo dalla nostra struttura turistica e dalle tasse versate dai cittadini residenti, ma sopratutto stanziati dalla collettività degli italiani che, annualmente dal 1971, sovvenzionano la Legge speciale destinata alla città. Ma Venezia, ha davvero bisogno di tutti questi milioni di € per la sua manutenzione e per il suo normale funzionamento e mantenimento, o questi servono solo per alimentare e tenere in vita "il sistema" che si è venuto a creare in città? E tutti questi soldi, una volta arrivati in laguna, vengono spesi in modo attento per preservarla e miglorarla, o sono generalmente mal utlizzati e fonte di sperperi? C'è una questione morale da affrontare nella nostra città, o tutto questo è normale e scontato?

© veniceXplorer.net, 2001 - 2005