Venezia ObServer

Vita Civile ..:Torna indietro:..
8 Settembre a Venezia - in Casa Savoia
di Luigi ´Gigio´ Zanon - inviato il 09/09/2004
apprendo che l´ultimo rampollo di casa Savoia vuole festeggiare a Venezia l´8 settembre, qual ricorrenza – secondo lui !!! – della pace!Si badi bene: non del tradimento che suo bisnonno compì verso i soldati che a lui avevano giurato fedeltà, no della “pace”.Invece quella è stata la giornata più nera e triste della nostra storia, la giornata in cui i Savoia dimostrarono la loro viltà scappando al sicuro e lasciando una nazione intera alla mercé di un barbaro e sangunario ex alleato. Hanno cominciato a rovinare l´Italia con il presunto risorgimento, quando lo stesso Cavour dei primi tempi voleva un´Italia Federale, come suggerito da Manin, Cattaneo, Casati, ecc. Andando a rovesciare un governo legittimo come quello dei Borboni, e dopo due sonore sconfitte (Custoza e Lissa) appropriandosi anche del Veneto con l´inganno e la violenza!Portanto una intera nazione alla fame e alla miseria più nera!Vorrei solo ricordare a colui che indegnamente si fa chiamare “principe di Venezia”, e che così spavaldamente porta l´ampolloso titolo, cosa ne scrissero i comandanti Alleati che quella guerra fecero e vinsero: Da “le memorie del Maresciallo Montgomery” Comandante dell´8 armata britannica: “il voltafaccia italiano fù il più grande tradimento della storia”.Eisenhower, nel suo “Diario di Guerra”: “La resa dell´Italia fu uno sporco affare. Tutte le nazioni elencano nella loro storia guerre vinte e guerre perse, ma l´Italia è la sola ad aver perduto questa guerra con disonore…”.E non continuo con l´elenco delle dichiarazioni di Alexander, di Churchill, ecc….Come si possa trasformare un tradimento verso i propri soldati, una sconfitta, in una ricorrenza fastosa, proprio non lo capisco! Invece di stendere un velo pietoso su una nostra triste pagina di storia, si vuole esaltare una viltà storica!Inconcepibile!

© veniceXplorer.net, 2001 - 2005