Giugno 2017
1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
31      

Storia di Venezia
Storia di Venezia,
Biblioteca




La Festa della Madonna della Salute
a Venezia

English Text

Il 21 novembre a Venezia, Festa della Madonna della Salute

Attorno alla metà del diciassettesimo secolo, il nord Italia subisce una delle più gravi epidemie di peste, quella stessa che fornirà spunto ai "Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni.
Particolarmente colpita la città di Mantova, che oltre al morbo si trova a dover affrontare anche la carestia causata dal cordone sanitario che gli stati confinanti le hanno imposto.


Il Ponte Votivo su barche, nell'anno 1900.
Foto cortesia della Collezione Franco Donadoni.

Una lancia a vapore dei Vigili del Fuoco, anno 1898.
Foto cortesia della Collezione Franco Donadoni.

Il ducato dei Gonzaga è faccia a faccia con il totale annientamento, e in un impeto di disperazione riesce a far passare clandestinamente lungo la rotta fluviale un gruppo di ambasciatori diretti a Venezia (cui Mantova è legata da un gemellaggio fra città d’acqua e arte, più che da alleanze politiche), con la richiesta di inviare aiuti alimentari per via fluviale.

La Serenissima onora il patto di mutuo soccorso e accoglie l’ambasceria, mettendola però in quarantena nell’isola di San Servolo, allora disabitata. Si da incarico ad alcuni "marangoni" di approntare ricoveri per l’alloggio dei dignitari, e sarà uno di questi artigiani, abitante nella zona di San Vio, il veicolo attraverso cui l’epidemia azzannerà anche Venezia. L’escalation dell’infezione è impressionante, dopo la morte del falegname e di tutta la sua famiglia, già nella settimana seguente i morti si contano a decine nel quartiere e in quella ancora seguente a centinaia in tutta la città.



Madonna della Salute 1966. Foto di Candido Spinazzi.

In un breve volgere di tempo, nonostante i bandi sempre più severi dei Savi alla Sanità, la popolazione è letteralmente decimata. La malattia non risparmia l’aristocrazia né il clero: periscono anche il Doge e gran parte della sua famiglia.

Sul limitare dell’inverno è la Dominante che a sua volta si confronta con il pericolo di venire totalmente cancellata.

Fallisce ogni ricerca di rimedio far- macologico, nonostante i ricchissimi premi promessi a chi ne avesse scoperto di efficaci ad arginare l'epidemia.
Famoso resta quel bando che ordinava, a chiunque si sentisse i sintomi del male, di orinare subito e di berne almeno mezzo litro; quasi già allora qualche illuminato cerusico avesse intuito la dinamica degli anticorpi.


Madonna della Salute 1966. Foto di Candido Spinazzi.

Ancora una volta governo e popolo di Venezia si volgono alla religione.
Si organizza una processione cui partecipa la pressoché totalità dei sopravvissuti, circa 10.000 anime che girano incessantemente attorno a Piazza San Marco per tre giorni e tre notti con fiaccole e statue votive.
Viene infine pronunciato il voto solenne che qualora la città scampi alla totale rovina si edificherà un tempio di ringraziamento alla Madonna di proporzione e bellezza mai viste sino ad allora.

E ancora una volta il Cielo sembra venire in aiuto alla Repubblica. La settimana seguente lo svolgersi della processione l'epidemia arresta la sua scalata e nel giro di altre due scema completamente.
In rispetto del voto pronunciato viene subito indetto un concorso d'ingegni per il progetto del tempio votivo e, dopo non poche discussioni sul luogo più opportuno per l'edificazione, si sceglie infine la Punta della Dogana da Mar, dove era appena stato demolito un insieme di abituri malsani.



La demolizione di baraccamenti e la dispersione di comunità numerose come caserme e seminari era uno dei sistemi messi in atto nel tentativo di arginare il contagio.

Il concorso viene vinto dal giovanissimo architetto Baldassare Longhena, portabandiera del nuovo (per Venezia, sempre molto conservatrice in fatto di stili architettonici) stile Barocco. L'area viene possentemente palificata per reggere il peso dell'enorme edificio in pietra. Si narra che siano stati impiegati oltre 300.000 pali di rovere, per il consolidamento della fondazione.

L'edificio sarà ultimato in circa vent'anni di lavoro e diventerà un modello esemplare di Barocco, studiato e imitato da architetti di tutta l'Europa di allora.
Il tempio viene consacrato il giorno 21 novembre che da allora per i Veneti diviene il giorno della Madonna della Salute.

Liberamente tratto dalla pubblicazione di mons. Antonio Niero.





Per l'occasione, viene costruito un ponte di barche che avvicina il santuario al centro della città e sono pochissimi ancora oggi i veneziani che mancano l'appuntamento, siano essi religiosi o atei.

La festa infatti appartiene innanzittutto ai bambini, per il vivace mercato di giocattoli e dolciumi che in quel giorno si allestisce nei dintorni.

Un tempo le bancarelle offrivano zucchero filato e frittelle, o piccoli giocattoli artigianali. Immancabile il venditore di palloncini, e penso che in quasi tutti i bambini veneziani ci sia il ricordo di un palloncino sfuggito di mano in quel giorno.

Oggi la sagra è un concorso di torronai e marzapani, i palloncini sono metallizzati, e ci sono meno bambini.



Sia a causa dell'abitudine contratta sin dalla tenera età, o sia invece che la salute è un bene caro a tutti, indipendentemente da credenze religiose o filosofiche, il fatto sta che in quel giorno il traffico dei pellegrini è tanto intenso, sin dalle prime ore del mattino, da obbligare l'uso di sensi unici pedonali a partire dal ponte dell'Accademia.

Umberto Sartory













TOP

Foto del Carnevale di Venezia e centinaia di altre foto di Venezia e di vari altri Soggetti nella Banca Immagini di venice eXplorer .net, che potete anche inviare come cartoline virtuali

All other images © by Umberto Sartory