Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883352 Letture totali

Mare e Laguna ..:Torna indietro:..
ARRIVARE A VENEZIA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 29/07/2007 (letto 3370 volte - 2 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
ARRIVARE A VENEZIA
ARRIVARE A VENEZIA

Stante l'attuale aspetto di quel tratto della Laguna confinante con la terraferma, non si può non condividere l'affermazione che Thomas Mann fece nel suo celebre "Morte a Venezia"(1912) secondo cui arrivare a Venezia dalla terraferma è come entrare in un palazzo dalla porta di servizio, e che il solo modo degno per giungere nella "più inverosimile città del mondo" è per nave, come aveva fatto lui. C'è da dubitare parecchio tuttavia che egli sarebbe stato dello stesso avviso se, anziché conoscere Venezia con quel tratto di Laguna "stravolto" a causa del ponte translagunare costruito dagli austriaci, l'avesse conosciuta ai tempi in cui il suo celeberrimo connazionale Goethe, entrando nelle acque lagunari dal Brenta la sera del 28 settembre 1786, la raggiungeva deliziandosi attraverso tortuosi e suggestivi canali immersi nel rigoglioso verde di una miriade di isolette,di barene e di canneti che caratterizzavano ancora, a quei tempi,anche quella parte della Laguna, conferendole,senza ombra di dubbio alcuno, un fascino che, a partire dalla costruzione del ponte translagunare – e dagli imbonimenti, escavazioni, etc. necessari per esso – perse inevitabilmente.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: venessiani



Inviato il 04-08-2007 15:24
Inviato da: Umberto Sartory



Inviato il 07-08-2007 13:11
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017