Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883317 Letture totali

Cose e Chiose ..:Torna indietro:..
A CIASCUNO IL SUO
di ENZO PEDROCCO - inviato il 11/06/2009 (letto 2465 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
A CIASCUNO IL SUO
A CIASCUNO IL SUO

Non vorrei sbagliarmi ma, se la mia memoria fisiognomica non mi inganna, suppongo che la signora ritratta nella gigantografia campeggiante sulla facciata di Cà Farsetti sia, con ogni probabilità, Aung San Suu Kyi, premio Nobel 1991 per la pace e leader storica dell’opposizione birmana, che ha trascorso ben 13 degli ultimi 20 anni tra carcere e arresti domiciliari. E che oggi, a causa della misteriosa intrusione dell’americano che qualche tempo addietro si introdusse nella sua abitazione a pochi giorni dalla scadenza dell’ultimo mandato di arresto, rischia di vedersi infliggere dalla giunta militare birmana ulteriori cinque anni di privazione della sua libertà.

Considerando l’inveterato malvezzo del sindaco, solito, anche in qualità di primo cittadino, a prestare attenzione ad avvenimenti di risonanza internazionale spesso sconosciuti alla maggior parte dei suoi amministrati, ma “ideologicamente” per lui stesso significativi, non mi meraviglierei affatto che fosse realmente così.

Nel qual caso, pur non sottovalutando l’importanza di una mobilitazione generale volta a testimoniare solidarietà alla gentile signora in questione e a richiamare sul suo caso l’attenzione dei governi degli Stati, e soprattutto di quegli organismi internazionali in grado di influire e intervenire sulla sua vicenda, troverei però più opportuno, meno velleitario e pretenzioso , se una Amministrazione comunale occupasse più proficuamente il proprio tempo e le proprie energie limitandosi ad affrontare problemi e fatti che, ancorché “oggettivamente” di minore importanza e risonanza, riguardino tuttavia più da vicino i reali ed effettivi bisogni dei propri amministrati.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017