Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904521 Letture totali

Storia e Aneddotica ..:Torna indietro:..
53.BIENNALE D'ARTE
di ENZO PEDROCCO - inviato il 07/08/2009 (letto 1975 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
53.BIENNALE D'ARTE
GIUDIZI AFFRETTATI

Installazioni della 53.Biennale d’Arte che spesso, vuoi per l’apparente bizzarria vuoi per la loro leggibilità nient’affatto facile e intuitiva, non mancano di suscitare, accanto a una buona dose di ilarità, perplessità e scetticismo, dei giudizi categoricamente negativi - espressi per lo più ad alta voce e con inopinata sicumera - tra i passeggeri sia italiani che stranieri delle linee Actv che, nel corso della giornata, vi transitano ripetutamente accanto.

Tutto ciò nonostante oggi sia noto finanche agli scolaretti delle medie, se non delle elementari, che ogni evento artistico, alla stregua di qualsivoglia altro evento, debba essere affrontato e valutato sul proprio terreno. E non interpretato e giudicato secondo la relatività del proprio gusto. Supponendo ipoteticamente - a mo' di esempio - che io fossi un convinto assertore della tradizionale arte figurativa, non è certamente con i criteri che informano quest’ultima che potrei giudicare l’arte astratta o l’arte concettuale. Qualora lo facessi mi precluderei totalmente, oltretutto, anche la possibilità di poterle, in qualche modo, comprendere.

Le scelte che noi operiamo fra le istanze e i valori del mondo non devono perciò autorizzarci, nel modo più assoluto, a interpretare e giudicare aprioristicamente ogni cosa alla luce di essi se vogliamo responsabilmente renderci conto, in maniera quanto più possibile esauriente e “oggettiva”, di quanto ci accade intorno e che spesso si informa a istanze e valori diversi dai nostri. Salvo poi ovviamente, una volta resoci sufficientemente edotti su quanto preso in esame, scegliere, secondo la propria visione delle cose, se condividerlo o meno.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017