Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883133 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
GIOCHI IN CAMPO - VIETARLI O PERMETTERLI?
di ENZO PEDROCCO - inviato il 13/06/2004 (letto 1741 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
GIOCHI IN CAMPO - VIETARLI O PERMETTERLI?
Tra i sostenitori di un divieto indiscriminato e assoluto,in perfetta sintonia con un regolamento di polizia urbana tutt’ora vigente,e un numero sempre maggiore di persone che ne reclamano la liberalizzazione in ossequio a una discutibile e datata pedagogia permissiva del lasciar fare,trovo che una soluzione al problema possa giungere soltanto da un ragionevole compromesso tra queste due estreme posizioni in cui sia fatto salvo il legittimo e sacrosanto diritto allo svago dei bambini ma,nel contempo,sia tutelato come merita il rispetto delle persone e delle cose insito in ogni convivenza sociale che si rispetti e degna di tale nome.Nella città a misura d’uomo per antonomasia,qual è Venezia,paradossalmente i bambini stentano ad avere degli spazi esclusivamente riservati a essi per giocare liberamente,com’è nel loro diritto,e quando,con la complicità in genere dei loro genitori e in barba al regolamento di polizia urbana,lo fanno in qualcuno dei numerosi campi di cui dispone Venezia ,il prezzo per la città e per i suoi residenti è tutt’altro che irrilevante in termini di quiete e sicurezza perdute.Perchè non riservare ai giochi dei bambini alcuni campi periferici,possibilmente scarsamente frequentati e senza edifici d'interesse storico o artistico,in cui essi possano liberamente giocare per tutto il giorno o in alcune fasce orarie? Perchè inoltre,fintantochè ciò non sarà possibile,i nostri pargoli non vengono quantomeno sensibilizzati più di quanto non si sia fatto sinora,soprattutto in famiglia, intorno alle regole di convivenza e ai limiti che queste impongono necessariamente al comportamento di ognuno,bambini compresi?ENZO PEDROCCO

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017