Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883413 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
Le fondamenta del ponte di Calatrava. - Vistosa crepa sulla spalla in Santa Lucia.
di Umberto Sartory - inviato il 16/02/2005 (letto 3239 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Le fondamenta del ponte di Calatrava. - Vistosa crepa sulla spalla in Santa Lucia.
Il ponte non è ancora in loco, e prima di affrontare l’avventuroso trasporto per l’installazione, sarebbe opportuno che gli artefici si prendessero la briga di verificare se gli attacchi per il prefabbricato ancora combaciano.

Come si può vedere dalla foto, si direbbe che vi siano stati movimenti significativi del manufatto, almeno sulla spalla dal lato della fondamenta Santa Lucia.
La fessura che si può osservare è ampia alcuni centimetri, oltre 5; il suo valore sembra significativo a fronte dei pignoni di innesto del prefabbricato in arrivo, che misurano a loro volta alcuni centimetri, forse quaranta il centrale.
Cinque centimetri di errore su un innesto di 40 mi sembra una tolleranza inquietante per un’opera in tensione come il progettato ponte.

Che parrebbe tra l’altro aver subito radicali mutamenti in corso d’opera.
Qualcuno ricorda il progetto di quel bel ponte a due archi giustapposti che era stato mostrato all’inizio?
Non vedo traccia della controtensione subacquea: pare che ancora una volta l’edilizia arcaica l’abbia avuta vinta sulle moderne tecnologie tensostrutturali.

Non un ponte che galleggi ma un ponte che affondi, si direbbe.

Per edificare stabilmente in Venezia ci vogliono ben altri ingegni di quelli attualmente all’opera. Non si costruisce stabilmente, qui, se non si coopera costruttivamente con la pressione idrostatica.
Riversare il calcestruzzo di decine di betonatrici nel sottosuolo non può che produrre enormi e pesantissimi zatteroni che flotteranno lentamente nel limo ed eventualmente sul caranto da questo lubrificato.

Di simili movimenti abbiamo dimostrazione, ancor più evidente che in questa foto, sulla banchina portuale delle Zattere, come si può osservare in loco e leggere su .

Ma dico io se una classe dirigente che ha ampiamente dimostrato la sua inettitudine persino nei più elementari lavori di manutenzione urbana, doveva mettersi a cimento addirittura con un ponte sulla bocca del nostro Canal Grande...
Ma forse dimentico che il loro obiettivo reale è la distruzione del significato artistico, umano e culturale di Venezia: dietro le pretese edificatorie guata in cagnesco il demone del nichilismo, che sogghigna demente al proprio trionfo, incurante e ignaro di celebrare, con quella della civiltà, anche la propria distruzione.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017