Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1926870 Letture totali

Pietre di Venezia ..:Torna indietro:..
Ponte di Rialto
di Umberto Sartori - inviato il 26/10/2005 (letto 2836 volte - 2 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Ponte di Rialto
Ponte di Rialto
I nichilisti nascondono le tracce.

Misteriosamente come era scomparsa, la colonnina del Ponte di Rialto è ricomparsa.

Come si può ben vedere dalla foto, il fusto della colonnina è stato ricollocato e tenuto in sede con l’aiuto di una stuccata di maltina.
Oplà e non è mai successo niente.
É la stessa maltina che imbelletta le piaghe di tutte le chiese maggiori, la stessa maltina usata per stuccare la colonnina in riva davanti la Capitaneria di Porto, che si era aperta in due (cfr. Venezia ObServer del 2 agosto 2003), la stessa usata per reincollare la bitta spezzata alle Zattere, di cui parlerò in un prossimo articolo.
La città si sbriciola e le “autorità” preposte alla sua tutela tacciono sulle reali cause dello sgretolamento e sulla sua portata. Per meglio nascondere la gravità del fenomeno eseguono sistematicamente queste pericolose operazioni di stuccatura.

Con l’occasione sono stati anche occultati agli occhi meno attenti i gravi danni alle colonnine adiacenti, che abbiamo visto nelle foto a illustrazione del precedente articolo.

Ho i miei dubbi che una colonnina così raffazzonata possegga le qualità meccaniche di una sana; con il perno cementato potrà forse durare qualche tempo, ma che dire, quando si vedono stuccati in superficie blocchi e pilastri che sono con ogni evidenza attraversati parte a parte dall’erosione delle vene di calcite?

Con il denso traffico di grandi navi, che posso osservare dal mio balcone nel Canale della Giudecca in questi umidi giorni di ottobre, le prossime settimane porteranno un ulteriore terribile aggravamento allo stato generale delle pietre della città.
Cittadini di Venezia, non dimenticate di guardare la vostra città, fra uno spriz e un caffé bevuto distrattamente!
Firmate la Petizione per il Comitato di Salute Pubblica a Venezia.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: adriano dabala` (gondabi@hotmail.it)

vorrei non rassegnarmi mai,
appartengo alla piu` bella perla del mondo,
divorata dal dio denaro.
Difendiamola, possiede piu`di mille anni di storia, di architettura, di arte, ... di orgoglio.
Fermate i motori, stanno divorando la citta`.

Inviato il 29-11-2005 21:06
Inviato da: Umberto Sartory (venetian@ombra.net)



Inviato il 30-11-2005 11:22
Sito web: http://ourvenice.org
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018