Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1904537 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
Un Uragano di Musica Giovane per Ricordare Silvano Bertaggia
di Umberto Sartory - inviato il 02/07/2006 (letto 3316 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Un Uragano di Musica Giovane per Ricordare Silvano Bertaggia
Davvero un Uragano di suoni e gruppi di giovani musicisti ha risposto ieri all'invito dell'infaticabile Franco Teardo per commemorare Silvano Bertaggia, il più dolce degli Uragani veneziani.
Di Silvano, della sua figura esemplare d'insegnante, della nostra amicizia e delle esperienze artistiche condivise ho già scritto al tempo del suo trapasso; in questa nuova occasione voglio rendere merito all'impegno di Franco Teardo, validamente affiancato dal figlio Tobia, da Max del Centro Civico Giudecca-Zitelle e da Mohamed.
Incurante del caldo e di non poche defezioni tra gli invitati "storici", la squadra di Franco ha saputo allestire una vera festa veneziana fra sardee in saor, damigiane e folpeti, proprio come sarebbe piaciuta a Silvano. Sono certo che egli sorride al vedere che sono stati i giovani, soprattutto, a rispondere alla sua memoria. I giovani per educare i quali aveva sacrificato una carriera forse più brillante di musicista.
E i giovani sono venuti a omaggiarlo, con le chitarre elettriche, le tastiere e i suoni di queste nuove generazioni. Hanno offerto a Silvano un update sulla situazione musicale nella sua città, e sono certo che lo ha gradito.
L'atmosfera totalmente musicale che si è venuta a creare nella kermesse, più ancora del mio dolore al braccio, mi ha convinto a rinunciare la presentazione delle grafiche Web di Silvano prevista dal programma della serata, che avrebbero necessitato di atmosfere più intime e raccolte.
Il lavoro digitale rappresenta infatti l'ultimo atto della vita operosa di questo fratello artista, ed è intrinsecamente collegato alla malattia e alla sua morte artisticamente epica. Ho sentito fuori luogo parlare di questo in quella atmosfera di festa popolare, di uragano musicale. In musica bisogna saper entrare e uscire al tempo giusto.
Ho fatto atto di presenza all'amico: per raccontare quella ultima parte di lui che solo io conosco ci saranno altri momenti.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: adriana (adriana.marafioti@unimi.it)

Vivo in lombardia da 30 e ho appreso adesso della morte di Silvano che era un amico di adolescenza.

Mi dispiace tantissimo. La mia generazione 1948 e' stata

falcidiata li' a Venezia. Mi dispiace tantissimo.

un abbraccio.
adriana

Inviato il 03-10-2009 05:49
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017