Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1944269 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
Redentore?
di Marion Staudacher - inviato il 23/07/2006 (letto 3167 volte - 4 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Redentore?
Sono stata alla Giudecca ad assistere per la prima volta alla Festa del Redentore, e sono rimasta profondamente delusa per quello che appare un’altra prova del generale e continuo degrado della città. Ho trovato il Redentore una festa snaturata e senza atmosfera popolare. Fanno eccezione i bei giuochi d’artificio ed il fatto che il ponte del Redentore impediva almeno per due giorni il passaggio delle navi da crociera – mostri marini che recano enorme danno alla città, offendono l’occhio e sono uno spaventoso e mastodontico simbolo per la megalomania e prepotenza con cui viene fatta violenza alla fragile città di Venezia.

Venezia è una vulnerabile città museo, già troppo calpestata da un turismo di massa sempre crescente. C’era dunque bisogno di far attraccare una marea di barche a vela proprio in riva alla Giudecca, deturpando e levando la vista a chi voleva vedere il bacino di San Marco e soprattutto a chi aveva preparato le numerose tavolate? (Una signora giudecchina esterrefatta e stufa: “Ora ci levano anche la vista!”) Sembrava trovarsi in un porto qualsiasi, e invece di godersi la famosa e bellissima vista si assisteva a manovre dei velisti che erano degne di scene da Fantozzi. Perché si distrugge sempre di più il carattere popolare e genuino della Giudecca? Non è il Redentore soprattutto la festa della Giudecca?

Altra pacchianeria erano le proiezioni di luci sugli edifici più belli della città. Palazzo Ducale, il Campanile, la cupola della Salute e il campanile di San Giorgio sono già di per sé uno splendido e unico scenario – perché, allora, ostentare con sgargianti e volgari illuminazioni che stonano con l’armonia degli edifici? Dove sono andati a finire il buon gusto e il senso estetico italiani, nati in centinaia di anni nelle botteghe di grandi artigiani e artisti, qualità che si possono ancora ammirare in alcune maschere del Carnevale? Qualcuno accanto a me avvertiva queste proiezioni psichedeliche come una “profanazione”. Anch’io avevo la stessa sensazione, e piuttosto che a Venezia pensavo a Hollywood, Disneyland o Las Vegas e addirittura alle grotte del terrore del Prater viennese. Non si potrebbe spostare americanate e robe da lunapark in altri posti? Su quale filosofia si basano sindaco e giunta? Turismo sfrenato? Lucro? O la smania di attaccarsi a tutti i costi al treno distruttivo della globalizzazione? La modernizzazione non esclude la salvaguardia di vecchie tradizioni che fanno parte della memoria collettiva e che non devono essere adattate a puro fine turistico. Il Comune potrebbe prendere esempio dalla città di Siena la quale riesce a conservare la tradizione del Palio senza modernismi sforzati. Nonostante il boom e l’invasione turistici, il Palio è rimasto la festa dei Senesi, autentica e genuina, e proprio per questo il turista avverte il fascino di una lunga tradizione e la particolare magia della storia di una città. Peccato che la Serenissima non sappia prendere allo stesso modo cura di sé.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Mau San



Inviato il 23-07-2006 07:21
Inviato da: elbaso



Inviato il 25-07-2006 13:15
Inviato da: Lino (lunardi@ltrade.it)



Inviato il 08-08-2006 17:12
Inviato da: Riccardo (riccardo_deagostini@hotmail.com)



Inviato il 13-09-2006 12:45
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018