Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903541 Letture totali

Cultura e Arte ..:Torna indietro:..
La solitudine di Stefani - evidentemente non era ``vera beatitudo``
di Umberto Sartory - inviato il 25/06/2003 (letto 2075 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Voglio convenire e supportare la tesi dell'amico ''s.''Quella frase, assai più che a una poesia, assomiglia a un ''refrain'' da depresso.Indubbio che il testo sia di Mario, perché me lo confermò lui stesso, mentre si rammaricava violentemente che qualcuno, a sua insaputa, fosse andato a scriverlo su muri e ponteggi.Penso però che lo abbia scritto più nello spirito di un ''esercizio di stile'' che nel tentativo di liberarsi da un'angoscia, in omaggio a una sorta di esistenzialismo cinico che non gli era affatto alieno.Una versificazione facile, su un argomento superficialmente affrontato e scontatamente patetico. Ricetta che troppo spesso riscuote successo, e al successo ci teneva, Mario.Ne aveva avuto, più della maggior parte dei poeti veneziani; non solo come poeta, ma anche come insegnante. Ho personalmente assistito a suoi incontri con ex-alunni, e l'entusiasmo e l'affetto riconoscente di questi ultimi era palese.Quel testo è giocato sulla confusione fra sensualità e amore. E' la solitudine sensuale, la frustrazione dell'età cui non corrisponde adeguata maturità, a parlare. La sensualità anche morbosa di Mario non è un mistero per nessuno che lo abbia conosciuto, il suo entusiasmo di autoinnocenza per se stesso come ''re nudo'' direi anzi che costituiva larga parte del suo fascino e della sua simpatia. Libido e sensi, con una certa qual raffinatezza nell'esprimerli, sono assi portanti di molti suoi componimenti.Non posso credere che Mario si sia deliberatamente tolta la vita, soprattutto in un modo così lungo e penoso. Lo ho conosciuto come persona estremamente timorosa della morte e della sofferenza fisica, ma capace di vivere e godere senza pensarci troppo. Lo ho visto entusiasta in occasione dei suoi successi mondani, e non gliene mancavano certo: tesi di laurea su di lui, pubblicazioni, citazioni, inviti, gadget...No, lo vedo piuttosto vittima di un ''incidente sensuale'', solitario o in compagnia che fosse, vittima della ricerca di un piacere sempre più intenso o estremo.La sensualità di Stefani non si arroccava però come monomania erotica. Lo abbiamo visto godere con entusiasmo del buon vino e della buona tavola, e anche della compagnia di amici con cui aveva saputo coltivare rispetto e affettuosità, lo dico perché ero uno di questi.Non penso che fosse un uomo di fede, non nel senso in cui lo intendiamo, credo, l'amico ''s.'' e io.Ciononostante subiva e godeva del fascino della bellezza classicamente intesa, e non avrebbe mai voluto regalarci come ricordo l'orribile grottesco della sua sofferenza che ci è stato descritto. Se proprio, per imperscrutabili ragioni avesse deciso di lasciare questo mondo, sono convinto che lo avrebbe fatto con uno stile ben diverso.Dico questo in rispetto al mestiere di poeta che, pur se della carne e dell'anima e quindi lontano dalle mie scelte artistiche, non posso che riconoscergli.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017