Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883054 Letture totali

Vita Civile ..:Torna indietro:..
Quotidiane assurdità - Ovvero perchè il Polo Nautico non deve andare nell’ex caserma Manin
di Pietro Bortoluzzi - inviato il 18/05/2001 (letto 1644 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 

La ex Caserma Manin, 10.000 mq vincolati, da anni in stato di abbandono, nel cuore della città di
Venezia, è tornata recentemente alla ribalta a causa di una proposta veramente illogica.
Trasformarla in sede del Polo Nautico, per lasciare mano libera alla Fondazione Cini nell’isola di
San Giorgio, dove – forte del blitz (politicamente scorretto) del rinnovo anticipato di quattro
anni della concessione demaniale – la Fondazione vuole allargarsi, al fine di approntare una scuola
internazionale per manager dei paesi dell’est in procinto di entrare nella Comunità Europea; un
progetto fortemente appoggiato via Unione Europea dall’ulivista Prodi, con il sostegno locale del
Sindaco e dell’assessore alla Cultura del Comune di Venezia.
Un’idea, quella di mandare alla ex Manin il Polo Nautico, a mio avviso inaccettabile e
irrealizzabile: perché le strutture dell’isola di San Giorgio sono le sole che possono garantire al
Polo Nautico la sua attività, che è appunto marinara e tecnica, e che ha bisogno, oltre che di
officine e di laboratori, anche di darsene e di acque sufficientemente profonde per poter gestire
la sua piccola flotta; e poi perché gli ambienti della ex Caserma Manin non si prestano affatto ad
esser convertiti in darsene, officine o aule tecniche…
Ecco allora che - considerando il fatto che ai locali utilizzati oggi per il Polo Nautico (che è un
potenziale elemento vivo e sinergico nel contesto sociale ed economico veneziano) si devono unire
gli spazi, nell’isola di San Giorgio fortunatamente presenti, adatti ad attività sportive che
potrebbero essere fruiti dai veneziani - mi viene spontaneo domandarmi e domandare a chi amministra
la città e agli amministratori della Fondazione Cini (che in alcuni casi sono anche le stesse
persone): perché non pensare in modo diverso? Invece di andare a cercare posto altrove per una
scuola marinara, nata sull’isola di San Giorgio per motivi ovvi di convergenza di situazioni
logistiche, perché non uscire dalla logica di autoreferenzialità e cercare piuttosto altre
soluzioni per la scuola per manager dell’est voluta dalla Cini? O ha forse senso trasformare una
piscina – ad esempio – in una sala congressi, o in aula per elitari manager di altri Stati?
Ecco allora che la ex Caserma Manin potrebbe rivelarsi un’ottima soluzione, per la città e per gli
investimenti dei danari della Legge Speciale. Ci sono 20 miliardi già stanziati dalla Provincia di
Venezia per risanare e ottimizzare la sede del Polo Nautico a San Giorgio? Ci sono 30 miliardi
recuperati dalla Fondazione Cini per realizzare la sede della Scuola per Manager dei Paesi
dell’Est? Si colgano allora due piccioni, con “due” fave! Si lasci il Polo Nautico a San Giorgio,
ottimizzandone la sede e le strutture con i danari di legge speciale stanziati dalla Provincia.
Si utilizzino i 30 miliardi di legislazione speciale a disposizione della Fondazione Cini per
risanare l’ex Caserma Manin, e realizzare lì la propria Scuola per Manager, potendo contare su
10.000 mq pregiati, fruibili anche per le altre necessità di ampliamento o congressistico-recettive
previste dalla Fondazione, che non può pensare di essere la dispotica padrona dell’isola di San
Giorgio, e che deve anche sapersi relazionare in modo sensato e corretto con il territorio nel
quale opera. Anche perché di infrastrutture sportive e di scuole marinare di un certo tipo a
Venezia se ne ravvisa la necessità, di enclavi autoreferenziali e avulse dal tessuto sociale (a
quando la possibilità per i veneziani di godere del meraviglioso giardino di San Giorgio?), come
quella che pare troppe volte voler essere la Fondazione Cini, decisamente no.
Pietro Bortoluzzi

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017