Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1896252 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
LA BAIA DEL RE
di ENZO PEDROCCO - inviato il 28/03/2009 (letto 6743 volte - 3 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
LA BAIA DEL RE
Il Ponte Moro, a Cannaregio, che collega la Fondamenta Colletti alla Sacca San Girolamo, meglio conosciuta come “Baia del Re”. Tristemente nota in passato per la fama tutt’altro che raccomandabile di taluni suoi residenti, la Baia del Re si può considerare oggigiorno pienamente recuperata grazie, oltre che ai tempi radicalmente mutati, a tutta una serie di opportuni interventi di riqualificazione attuati nel corso degli anni, che l’hanno resa una zona residenziale tra le più vivibili e ambite della città.

Sul perché Sacca San Girolamo sia stata soprannominata Baia del Re esistono numerose versioni, la più attendibile delle quali pare essere tuttavia quella secondo cui essa sarebbe stata soprannominata in tale modo, parecchi anni addietro, dagli operai addetti alla costruzione del vicino Ponte del Littorio(oggi della Libertà), che lì avevano le loro baracche, per l’eccezionale freddo che vi faceva, non solo a causa della sua posizione periferica confinante con la Laguna, ma anche degli inverni particolarmente rigidi di quegli anni. E paragonabile ai loro occhi, per certi versi, al freddo polare della Baia del Re, nelle Isole Svalbard, di cui parlavano spesso i giornali di allora, in seguito al fatto che il generale Umberto Nobile vi aveva posto il suo “campo base” per la spedizione al Polo Nord che si accingeva a intraprendere con il suo dirigibile “Italia”. E che, una volta intrapresa, si concluderà nel modo tragico e infelice che tutti sappiamo.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: Lorenzo (Moro) Baretta (baretta.loriman@libero.it)

In Baia del Re negli scorsi decenni, alcuni residenti potevano essere definiti poco raccomandabili, ma gli altri, tantissimi, era gente di grande umanità. Serbo ancora un ricordo molto bello e gioioso di quella gente. Lorenzo Baretta.

Inviato il 22-01-2011 11:18
Inviato da: franco (v.francof@libero.it)

bellissimo questo ponte in legno; solido e ben proporzionato. Siamo vicinissimi alle chiovere,bella e tranquilla area di venezia.

Inviato il 26-04-2012 22:00
Inviato da: Simone

I miei mi proibivano di andarci da bambino perché dicevano "era pericoloso". "Non andar oltre la croce di S. Girolamo!", che ricordi! :)

Inviato il 13-09-2017 18:36
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017