Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1392 Commenti
1883362 Letture totali

Mare e Laguna ..:Torna indietro:..
PESCA IN LAGUNA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 14/10/2009 (letto 2270 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
PESCA IN LAGUNA
UN PASSATEMPO NON SEMPRE INNOCUO

La pesca in laguna: un’attività esercitata quotidianamente, al di là di coloro che la esercitano per professione, da non pochi veneziani, i quali, con le loro piccole imbarcazioni da diporto disseminate strategicamente in lungo e in largo nelle acque lagunari, contribuiscono a conferire alla nostra laguna quell’aspetto e quell’atmosfera particolari che la caratterizzano e la rendono inequivocabilmente unica.

Perché tutto ciò possa risultare compatibile con la tutela e la salvaguardia della fauna ittica e dell’ambiente sarebbe tuttavia auspicabile che anche quanti si applicano alla pesca per semplice diletto – sia pure con il proposito di unire l’utile, possibilmente, al dilettevole - fossero tutti consapevoli e rispettosi delle norme previste per un corretto esercizio di essa. Ma, purtroppo, mi consta che non sia così. Tra i numerosi pescatori dilettanti di mia conoscenza, da me interpellati, non tutti erano a conoscenza, ad esempio, che per essi non sia possibile, fra le altre cose, catturare più di 5 kg di pesce e raccogliere non più di 3 kg di molluschi al giorno, esclusivamente raccolti, questi ultimi, mediante raccolta a mano e senza alcun sommovimento del fondo - che invece è permesso ai pescatori professionisti purché utilizzino gli attrezzi consentiti – o che esistano delle lunghezze minime stabilite di cattura dei pesci, periodi di proibizione temporanea della pesca e zone di assoluto divieto di essa. Il che, va da sé, non può non costituire un’ulteriore insidia per la sopravvivenza dell’habitat lagunare, da non sottovalutare, possibilmente, e da combattere adeguatamente.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: GIORGIO (valpedrogio@gmail.com)

PER QUANTI DANNI POSSANO ARRECARE QUESTI SIGNORI BASTA ANDARE SOTT'ACQUA A 100 METRI DALLA SPIAGGIA PER CAPIRE QUELLI PROVOCATI DALLE TURBOSOFFIANTI, CHE HANNO FATTO SPARIRE ORMAI QUASI TUTTE LE SPECIE ITTICHE UNA VOLTA COMUNI A RIVA (VONGOLE,CAPE LONGHE, PASSARINI ECC.

Inviato il 15-10-2009 14:30
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017