Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by martino nazario specchiulli
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
La Tirata, by Umberto Sartori
La Tirata, by Marco Girardi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by elisabetta ottolenghi
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Umberto Sartori
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by catelli francesco
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by ruggero
I MURALES DEL CAMPIELLO DEI SQUELINI - Pirro,chi era costui?, by ROBERTO

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1386 Commenti
1956248 Letture totali

Mare e Laguna ..:Torna indietro:..
PESCA IN LAGUNA
di ENZO PEDROCCO - inviato il 14/10/2009 (letto 2386 volte - 1 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
PESCA IN LAGUNA
UN PASSATEMPO NON SEMPRE INNOCUO

La pesca in laguna: un’attività esercitata quotidianamente, al di là di coloro che la esercitano per professione, da non pochi veneziani, i quali, con le loro piccole imbarcazioni da diporto disseminate strategicamente in lungo e in largo nelle acque lagunari, contribuiscono a conferire alla nostra laguna quell’aspetto e quell’atmosfera particolari che la caratterizzano e la rendono inequivocabilmente unica.

Perché tutto ciò possa risultare compatibile con la tutela e la salvaguardia della fauna ittica e dell’ambiente sarebbe tuttavia auspicabile che anche quanti si applicano alla pesca per semplice diletto – sia pure con il proposito di unire l’utile, possibilmente, al dilettevole - fossero tutti consapevoli e rispettosi delle norme previste per un corretto esercizio di essa. Ma, purtroppo, mi consta che non sia così. Tra i numerosi pescatori dilettanti di mia conoscenza, da me interpellati, non tutti erano a conoscenza, ad esempio, che per essi non sia possibile, fra le altre cose, catturare più di 5 kg di pesce e raccogliere non più di 3 kg di molluschi al giorno, esclusivamente raccolti, questi ultimi, mediante raccolta a mano e senza alcun sommovimento del fondo - che invece è permesso ai pescatori professionisti purché utilizzino gli attrezzi consentiti – o che esistano delle lunghezze minime stabilite di cattura dei pesci, periodi di proibizione temporanea della pesca e zone di assoluto divieto di essa. Il che, va da sé, non può non costituire un’ulteriore insidia per la sopravvivenza dell’habitat lagunare, da non sottovalutare, possibilmente, e da combattere adeguatamente.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
Inviato da: GIORGIO (valpedrogio@gmail.com)

PER QUANTI DANNI POSSANO ARRECARE QUESTI SIGNORI BASTA ANDARE SOTT'ACQUA A 100 METRI DALLA SPIAGGIA PER CAPIRE QUELLI PROVOCATI DALLE TURBOSOFFIANTI, CHE HANNO FATTO SPARIRE ORMAI QUASI TUTTE LE SPECIE ITTICHE UNA VOLTA COMUNI A RIVA (VONGOLE,CAPE LONGHE, PASSARINI ECC.

Inviato il 15-10-2009 14:30
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2018