Visit venice through her best site | conosci venezia col suo sito più completo
Home
alberghi venezia mappa di venezia storia venezia observer
ristoranti strade negozi venezia cultura
bar & locali trasporti wallpapers & photos contatto mail
Venezia ObServer homepage
Aggiornamento
Pietre di Venezia
Cultura e Arte
Vita Civile
Mare e Laguna
Storia e Aneddotica
Varie
Cose e Chiose
Reportage
Forum
Difesa di Venezia
Mappe di Venezia

Archivio&Ricerca
Inserisci nuovo

Ultimi Commenti
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by michelle gersten
LA BAIA DEL RE, by Simone
Storia di S.Giorgio Maggiore - Ecco spiegato perchè l`Istituto Cini non può andarsene, by Lucio
VANDALISMO, by Curtisdub
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
San Giorgio in Alega, by jacques TURCHET
L'assessore al decoro con delega al Turismo ed il ponte dell'Accademia., by nane
Venezia Malvagia ? - Wicked Venice, by Umberto Sartori
La Tirata, by MG

Venezia ObServer Numbers
7 Sezioni
659 Articoli
1394 Commenti
1903259 Letture totali

Varie ..:Torna indietro:..
Il canto del cigno - morte di una città
di MauSan - inviato il 02/01/2004 (letto 1979 volte - 0 commenti)

Versione stampabile Versione stampabile
 
Prendo spunto dall'opinione di Umberto letta nel Gazzettino di oggi. A pensarci bene nelle ultime ci vedo un che di verità, noi, stiamo assistendo ad una donazione di orgagni e dovremmo gioirne tutti visto che se un domani a me verrà espianto un organo, vorrà dire che io continuerò a vivere in terza persona. Forse è proprio questo che i nostri beneamati amministratori vogliono, far rivivere la città in altro luogo e domani, in altro spazio. Dovremmo esserne felici, anzi ancorpiù premiarli per la loro sensibilità e amorevolezza dimostrata verso la nostra città. Non sarebbe il caso di insignirli di un qualche premio nobel o altro? magari inventato, qualche bel titolo a onoris causa. E' difficile amministrare dei beni pubblici, tanto vale donarli forse meglio venderli, anche perchè non sono mai riuscito a percepire la minima volontà, la più piccola idea di salvaguardia,d'altra parte è quello che ci meritiamo, non siamo stati capaci, quando era il momento di vedere all'interno dei loro cuori, delle loro idee, noi abbiamo sempre visto dei colori. Ricordiamoci di una cosa tutti noi che vogliamo la vita della e nella nostra città, noi riusciamo sempre a guardare negli occhi gli avversari o meglio tentiamo, visto che loro sono sempre a testa bassa, come se stessero cercando cosa cambiare, cosa vendere, cosa spogliare. Si usava dire ''il re è morto, viva il re'' oggi diciamo tranquillamente ''Venezia è morta,viva loro''.

Versione stampabile Versione stampabile
 
Commenti a questo articolo
Inserire nella casella di testo
i 5 caratteri mostrati nell'immagine
Nome
Email
Sito
Commento
 
 


© veniceXplorer.net, 2001 - 2017